Categorie: Casi

I fratelli Bianchi a processo per un altro pestaggio: massacrarono un 40enne indiano

I due, già in carcere per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte, finiranno a processo insieme ad altri due amici.

Le accuse sono di lesioni aggravate dalla circostanza di aver agito in più persone.

L’omicidio di Willy Duarte e le accuse contro i fratelli Bianchi

Inizierà il 10 giugno prossimo il processo per la morte di Willy Monteiro Duarte, lo studente di Paliano massacrato di botte la notte tra il 5 ed il 6 settembre dello scorso anno, all’uscita da un locale.

La vittima aveva provato a difendere un amico, quando venne preso a calci e pugni, talmente violenti da ucciderlo.

Per la morte di Willy sono finiti in carcere 4 giovani: i fratelli Marco e Gabriele Bianchi, Francesco Belleggia e Mario Pincarelli.

I 4 amici sono accusati di omicidio volontario. Rischiano una condanna all’ergastolo se dovessero essergli riconosciute tutte le aggravanti del caso.

L’autopsia sul corpo di Willy Monteiro Duarte ha accertato come il 21enne di Paliano sia morto per un arresto cardiocircolatorio, provocato dai gravi traumi causati dalle botte.

I fratelli Bianchi a processo per un altro pestaggio

I due fratelli Marco e Gabriele Bianchi dovranno affrontare un altro processo.

Il 14 maggio prossimo compariranno di nuovo davanti al giudice per un violento pestaggio.

Insieme a due amici sono accusati di aver brutalmente picchiato un 40enne indiano, che gli aveva chiesto di rallentare con l’auto.

Il 13 aprile del 2019, pare infatti che l’uomo avesse invitato i due fratelli a non correre con l’auto, dopo che Marco e Gabriele lo avevano quasi investito.

Come riporta anche Tgcom24, i due fratelli però non accettarono quel richiamo, tanto che inchiodarono con l’auto e lasciarono a terra il 40enne, con il naso rotto e l’orbita dell’occhio destro spostata.

La prognosi fu di 40 giorni.

I due fratelli, insieme agli altri amici, sono accusati di lesioni aggravate dalla circostanza di aver agito in più persone.

Leggi anche –> Bimbo ucciso di botte a Cardito, appello contro l’ergastolo al patrigno: “Colpa della droga”

Filomena Indaco

Classe '83, divoratrice di libri e di parole, con un sogno da giornalista nel cassetto. Sono esperta di cronaca ed attualità.