Home Cronaca Omicidio Monza, convalidato il carcere per i due baby killer

Omicidio Monza, convalidato il carcere per i due baby killer

CONDIVIDI

Il 14enne ed il 15enne, accusati del delitto di Cristian Sebastiano, si trovano al carcere di Torino, in attesa di essere trasferiti al Beccaria.

confermato carcere killer Cristian Sebastiano

Le accuse per entrambi sono di concorso in omicidio volontario premeditato e rapina aggravata.

L’omicidio di Monza

La scorsa domenica, intorno alle 12:45, un uomo di 42 anni, Cristian Sebastiani, è stato colpito da diverse coltellate all’addome e alla gola, mentre scendeva da casa dei suoi genitori, in pieno centro a Monza, via Fiume.

A chiedere aiuto è stato un passante, che ha notato il corpo del 42enne, riverso a terra. Quando i soccorsi sono giunti sul posto, per Cristian Sebastiani non c’era ormai più nulla da fare.

Nella tarda serata di domenica due ragazzi di 14 e 15 anni sono stati fermati dai Carabinieri con l’accusa di omicidio volontario. Si tratta di un 14enne ed un 15enne di Monza, che avrebbero colpito la vittima per rapinarlo.

In realtà, i due baby killer conoscevano bene Cristian Sebastiani. Sarebbe stato proprio lui a instradarli nella tossicodipendenza, stando al racconto del più giovane dei due.

Confermato il fermo per i due minori

Come riferisce anche Fanpage, è stato quindi confermato il carcere per i due giovanissimi autori del delitto.

Su di loro pende l’accusa di rapina aggravata e di omicidio volontario premeditato. I due adolescenti si trovano attualmente nel carcere di Torino, in attesa di essere trasferiti al Beccaria di Milano.

Il 14enne ha raccontato che era stata proprio la vittima ad avvicinarli alla cocaina.

“È venuto a fare amicizia al parchetto dove fumavamo le canne e ci ha proposto di provare la cocaina”

ha raccontato il più giovane dei due imputati.

Il 14enne è anche accusato del reato di concorso di detenzione di stupefacenti. Durante una perquisizione nella sua abitazione, infatti, i carabinieri hanno trovato 600 grammi di droga, che l’adolescente spaccerebbe insieme al fratello 24enne.