Home Casi Mauro Romano, chi è il sequestratore identificato dalla Procura? Ipotesi dell’avvocato La...

Mauro Romano, chi è il sequestratore identificato dalla Procura? Ipotesi dell’avvocato La Scala

CONDIVIDI

Il presunto sequestratore del piccolo Mauro Romano scomparso 43 anni fa potrebbe essere un testimone di Geova molto vicino alla famiglia. Ecco i dettagli.

Mauro Romano1
Mauro Romano

Il legale della famiglia Romano riferisce l’ipotetica identità del sequestratore del piccolo Mauro come rivelerebbero nuove testimonianze.

L’avvocato La Scala svela l’identità del sospetto sequestratore

Secondo quanto riportato dall’avvocato Antonio La Scala in un’intervista a Fangpage, la Procura avrebbe identificato un uomo di circa 70 anni reo di aver sequestrato il piccolo Mauro nel giugno del 1977.

Come evidenziato dalle parole del legale infatti, l’identità precisa dell’uomo non sarebbe ancora stata resa nota, ma le sue ipotesi convergono verso un preciso soggetto.

Si tratterebbe infatti di un conoscente molto stretto dei Romano, appartenente alla comunità dei Testimoni di Geova di cui fino a qualche anno fa appartenevano anche i genitori di Mauro.

“Abbiamo fondate ragioni di ritenere che sia un ex fratello di fede dei Romano.”

La preoccupazione dei genitori

La svolta nel caso del piccolo Mauro scomparso quando aveva appena 6 anni e mai più ritrovato, è arrivata inaspettata proprio nelle scorse 24 ore.

Quando ormai tutto sembrava perduto infatti, alcune testimonianze chiave hanno condotto gli inquirenti verso un sospettato.

A riaprire le indagini era stata il pm Stefania Mininni sotto la richiesta della famiglia che aveva appreso a febbraio scorso, l’arresto di un uomo già conosciuto da loro, per atti sessuali con minorenni.

Il sospettato adesso è un altro uomo però e gli inquirenti sono sicuri sia lui il sequestratore:

“Si tratta di una persona vicinissima alla famiglia..il piccolo Mauro lo chiamava zio”

Ha dichiarato Antonio La Scala aggiungendo che ora la famiglia ha però un’ulteriore paura.

Dal momento che il corpo del bimbo non si è mai trovato, l’ipotesi di reato è di sequestro di persona: in questo caso vi è il rischio di archiviazione dato il tempo passato.

Il legale di Natale e Bianca Romano però assicura che la famiglia di Mauro non ha intenzione di fermarsi: procederà infatti a chiedere il sequestro dei beni dell’eventuale condannato.