Home News Impeachment, accuse se*****li per il testimone chiave del processo contro Donald Trump

Impeachment, accuse se*****li per il testimone chiave del processo contro Donald Trump

CONDIVIDI

Il testimone chiave del processo contro Donald Trump è accusato di comportamenti se****li inadeguati da tre donne

donald trump

Impeachment per Donald Trump: 3 donne accusano il teste chiave di comportamenti  inadeguati.

L’impeachment del Presidente Donald Trump

Prenderà il via il 4 dicembre prossimo il processo per impeachment contro Donald Trump. La messa in stato di accusa del presidente americano nasce da una telefonata tra Donald Trump ed il leader ucraino, Volodymyr Zelensky.

Durante un contatto telefonico, il presidente avrebbe promesso a Zelensky di inviare aiuti militari in Ucraina, se il leader avesse iniziato ad indagare su Joe Biden. Il tutto per danneggiare il suo sfidante alle prossime elezioni presidenziali del 2020.

Trump avrebbe quindi fatto pressione per screditare Biden agli occhi del popolo americano e mettere in tasca una nuova vittoria.

Il prossimo 4 dicembre si terrà la prima udienza del processo, ed il presidente della commissione, Jerrold Nadler, ha invitato l’imputato ed i suoi avvocati a comparire all’udienza. Entro il primo dicembre la Casa Bianca dovrà dare la sua risposta.

Le accuse contro Gordon Sondland

È di oggi la notizia che 3 donne hanno accusato il testimone chiave del processo di impeachment di molestie. L’ambasciatore Usa alla Ue, Gordon Sondland, è accusato di comportamenti non appropriati.

Una delle donne che lo accusa era una potenziale socia di affari che Sondland tentò di baciare durante un incontro. La donna rifiutò le avances dell’ambasciatore e Sondland non investì nell’affare che lei gli aveva proposto.

L’altra donna era una collaboratrice dell’ambasciatore americano, che subì pesanti penalizzazioni sul lavoro, dopo aver rifiutato i suoi approcci che non avevano bisogno di interpretazione. La terza, la più giovane delle 3, una 27enne, subì il rifiuto di un’offerta di lavoro, dopo che, anche lei non aveva accettato le avances di Gordon Sondland.

L’ambasciatore non ci sta e si difende:

“Queste false accuse sono costruite e diffuse per ragioni politiche”.