Home Politica Sardine incontrano il Ministro Provenzano: la questione meridionale al centro del colloquio

Sardine incontrano il Ministro Provenzano: la questione meridionale al centro del colloquio

CONDIVIDI

Incontro Sardine-Provenzano: al centro del colloquio la questione del Sud Italia

“Un ottimo incontro”,

così il leader delle Sardine, Mattia Santori, ha definito le due ore di incontro con Giuseppe Provenzano, Ministro del Sud.

“Abbiamo trovato molto belle le parole del ministro Provenzano quando parla di “protagonismo della cittadinanza””,

ha sottolineato Santori.

In occasione di questo colloquio, avvenuto ieri 11 febbraio, le Sardine hanno provato a dire la loro sull’agenda di governo, in particolare sulla questione del Meridione italiano.

Durante l’incontro le Sardine hanno criticato i 5Stelle per la manifestazione di sabato a Roma contro i vitalizi.

Proposta Sardine sulla questione Sud Italia: un Erasmus al Nord

“Un ottimo incontro, è bello ricreare una connessione sia tra politica e cittadinanza che tra diverse aree del Paese”,

sottolinea lo stesso leader bolognese delle Sardine e propone una sorta di Erasmus Nord-Sud in Italia per scambi di studenti.

“Perché non ripristinare fin dall’Università una sorta di Erasmus tra regioni del Sud e del Nord? Perché un napoletano non può farsi sei mesi al Politecnico di Torino e un torinese sei mesi a Napoli o a Palermo per studiare archeologia, arte, cultura o diritto?”,

commenta lo stesso Mattei Santori.

Inoltre, propone di organizzare a Taranto un summit per spiegare cos’è questo Green New Deal.

Si è parlato soprattutto di fuga dei giovani dal Mezzogiorno.

Lo stesso Ministro Provenzano commenta in occasione del colloquio con le Sardine:

“Daremo risposte nel Piano Sud, le Sardine hanno mostrato un’altra Italia e la politica deve renderla protagonista”.

E su un possibile incontro Sardine-Salvini?

“È sempre in campagna elettorale, non ha tempo”,

ha commentato il leader bolognese Santori a proposito di un possibile incontro con il leader della Lega, Matteo Salvini.

E sul caso Gregoretti e il possibile voto atteso oggi 12 febbraio, le Sardine si sono ribadite

“favorevoli che il Parlamento autorizzi i giudici”.

Lo stesso Salvini vada a processo e

“scopriremo quali sono le sue responsabilità”.

Le stesse Sardine hanno ribadito la necessità di un’intesa Pd-M5S alle Regionali:

“dobbiamo riconoscere qual è l’alternativa al populismo sovranista che ci viene presentato dall’altra parte”.