Home Salute & Benessere Fruttosio lo zucchero della frutta, quali effetti ha sul nostro organismo?

Fruttosio lo zucchero della frutta, quali effetti ha sul nostro organismo?

Il fruttosio è uno dei principali zuccheri della frutta e del miele, ma lo si può trovare anche negli alimenti e nelle bevande zuccherate come additivo alimentare.

Di  fatto sono molti gli alimenti che contengono naturalmente zucchero nella loro composizione o che sono una fonte di nutrienti che, dopo essere stati assimilati, si trasformano in zuccheri nell’organismo.

Per quanto riguarda la chimica, gli zuccheri della frutta e dei dolci sono gli stessi, anche se gli effetti sulla salute che provocano sono del tutto diversi. E in realtà, la maggior parte di noi dovrebbe mangiare più frutta fresca.

Il corpo elabora lo zucchero naturale della frutta in modo diverso perché la fibra della frutta minimizza l’impatto del glucosio sul sangue.

Possiamo distingue chiaramente tra due tipi di zuccheri, gli zuccheri naturali  che sono quelli che si trovano in natura nella frutta e nella verdura non modificati  e gli zuccheri aggiunti.

Lo zucchero della frutta nella dieta

Ma allora il fruttosio,  lo zucchero nella frutta è buono o cattivo se siamo a dieta? Alcune idee ricevute sono dure a morire. È il caso della frutta, che spesso viene erroneamente eliminata nell’ambito di una dieta, perché “ricca di zuccheri” e “ricca di carboidrati”.

Pochi alimenti possono affermare di fornire così tanto con appena 75 calorie medie per porzione!

La frutta fresca è uno degli alimenti più salutari in circolazione! La frutta contiene un’elevata quantità di fibre che ritarda l’assorbimento dello zucchero provocando meno stress pancreatico rispetto al consumo di alimenti trasformati.

Quando gli specialisti dicono di ridurre l’assunzione di zuccheri, parlano di zuccheri aggiunti (cupcakes, caramelle, cereali, succhi di frutta, ketchup, ecc.)

Naturalmente, quando mangiamo frutta, le calorie sono fornite principalmente dai carboidrati, derivati dal fruttosio, lo zucchero naturalmente contenuto nella frutta.

In realtà questa caratteristica non è specifica della frutta, ma di tutti gli alimenti vegetali, che sono anche ricchi di cellulosa e quindi di fibre.