Home Personaggi Chi sono Martina e Federico, figli di Antonio Ciontoli? Coinvolti nel giallo...

Chi sono Martina e Federico, figli di Antonio Ciontoli? Coinvolti nel giallo Vannini

CONDIVIDI

Vita e storia dei fratelli Ciontoli, Martina e Federico: figli di Antonio Ciontoli, l’assassino di Marco Vannini ora in carcere.

Martina e Federico Ciontoli

Due fratelli che condividono un cognome e il tragico coinvolgimento nella morte di Marco Vannini.

Quello di Marco Vannini è stato un omicidio intriso di bugie, dubbi e stranezze dichiarate da tutta la famiglia Ciontoli: qual è la storia dei due ragazzi?

Marco Vannini, morto in una rete di bugie

Il caso di omicidio Vannini risale al 17 maggio 2015.

Marco Vannini è morto per un colpo di pistola sparato a casa Ciontoli. Poteva salvarsi se la famiglia Ciontoli avesse chiamato subito i soccorsi senza raccontare menzogne, ma così non è stato.

La famiglia Ciontoli composta dai due genitori, Antonio e Maria, e due figli, Martina e Federico, era tutta presente quella sera in casa. C’era anche la fidanzata di Federico, Viola Giorgini.

Tutti i presenti hanno tessuto una fitta rete di bugie dal momento dello sparo.

Solo all’arrivo in ospedale i medici si sono accorti che era stato ferito da un proiettile ma era troppo tardi.

Un processo da rifare, iniziato nuovamente l’8 luglio 2020, poiché la Corte di Cassazione ha annullato la precedente sentenza accogliendo i ricorsi della Procura generale e delle parti civili.

Il colpo di pistola sembra sia ascrivibile solo ad Antonio, condannato in appello a 5 anni. Per il resto della famiglia invece una condanna a 3 anni.

Chi è Martina Ciontoli, fidanzata di Marco

Martina Ciontoli ha 24 anni è la figlia di Antonio Ciontoli, condannato aver ucciso con un colpo di pistola Marco Vannini nel 2015.

Non si hanno molte indiscrezioni su passato e vita lavorativa della ragazza, si sà che ha studiato infermieristica e che esercita la professione di infermiera.
Come riportato anche da Fanpage il Nurse Times aveva lanciato una petizione contro la fidanzata di Marco proprio per la condotta tenuta durante quel tragico 18 maggio 2015.

Secondo quanto confermato dall’ordine delle professioni infermieristiche di Roma, Martina non verrà radiata dall’albo né subirà procedimenti disciplinari fino a che la vicenda processuale non abbia una fine definitiva.

Martina, come anche la madre e il fratello, è condannata a 3 anni per la morte di Marco: condannata come loro per omissione di soccorso e per non aver detto la verità sull’accaduto. Le versioni raccontate da ognuno di loro erano discrepanti e tutto questo ha insospettito sia la famiglia di Marco che gli inquirenti.

Il cugino della giovane Ciontoli, Alessandro Carlini, l’ha condannata verbalmente dopo aver parlato con la ragazza di cosa successe quella sera.

Il cugino conferma che Martina era sfuggente, fredda e diversa dal solito:

era di un gelido allucinante, non pensavo che potessero esistere persone del genere

Dal momento in cui Marco ha esalato l’ultimo respiro Martina ha cessato di essere se stessa secondo il cugino che la conosceva più che bene.

La mamma di Marco aveva dubbi su Martina ancor prima dell’uccisione del figlio.

Come si legge su CheNews.it nel 2019 Martina è stata criticata sul web per aver pubblicato una fotografia sui social in compagnia di un altro ragazzo: suo presunto nuovo fidanzato.

La storia di Federico Ciontoli

Federico Ciontoli è nato il 26 gennaio 1992 a Roma, figlio di Antonio Ciontoli e Maria Pezzillo. Fratello di Martina Ciontoli, la ragazza del defunto Marco Vannini.

Sia Federico che la sua fidanzata Viola Giorgini si trovavano sulla scena del delitto quando Marco Vannini è morto per un colpo di pistola a sparato a casa Ciontoli.

Si legge su ViaggiNews.com che fu proprio Federico il primo ad essere incolpato e indiziato per la morte di Marco: un primo filone investigativo sosteneva che era lui ad aver sparato.

Nel programma Storie Maledette, Franca Leosini ha dato un’indicazione sulla vita lavorativa dei due Ciontoli:

“I figli di Antonio Ciontoli non trovano lavoro proprio a causa della gogna mediatica.”

Il ragazzo è stato condannato nel processo d’appello come la sorella e la madre a 3 anni, sentenza annullata dalla Corte di Cassazione.
Ora che il processo d’appello bis è ricominciato si saprà se verrà accolta la richiesta dell’accusa a 14 anni oppure quella della difesa di assoluzione.

In tutto il percorso processuale comportamento gelido e scostante  di Federico non ha di certo aiutato. La mamma di Marco Vannini, Marina Conte, ha infatti dichiarato di provare pena per Federico: a sua detta è un ragazzo patetico.