Home Salute & Benessere I cibi da mangiare per avere una pelle abbronzata naturalmente!

I cibi da mangiare per avere una pelle abbronzata naturalmente!

CONDIVIDI

È la classica lotta estiva: vuoi abbronzarti, ma vuoi anche evitare i dannosi raggi UV. Mangiare i cibi giusti, però, ti permetterà di avere una abbronzatura naturale, senza danneggiare la pelle.

I cibi da mangiare per abbronzarsi naturalmente

Patate dolci

Le patate dolci sono una delle verdure più versatili. Dalle patatine alle torte, le patate dolci possono essere utilizzate praticamente per qualsiasi cosa in cucina.

Ma lo sapevi che possono anche essere usati per abbronzarti? Le patate dolci hanno i più alti livelli di carotenoidi rispetto a tutte le altre verdure, la sostanza nutritiva responsabile di un’abbronzatura naturale.

Le patate dolci sono anche ricche di vitamina B6 e potassio,  importanti per aumentare la salute del cuore.

Carote

Va bene, niente di nuovo qui. Le carote sono famose per la capacità di alterare il colore della pelle, ma non ti trasformeranno in arancione, contrariamente alla credenza popolare.

I loro alti livelli di carotenoidi ti daranno quell’effetto glow perfetto, baciato dal sole che tutti cercano. Hanno anche un sacco di vitamina A, che può migliorare la vista e proteggere la pelle dai danni del sole.

Kale (cavolo riccio)

Probabilmente ti è stato detto un milione di volte che il cavolo è uno delle verdure più nutrienti, con tanti benefici per tutto il tuo corpo.

C’è un vantaggio meno conosciuto del Kale: esso ha alti livelli di carotenoidi che migliorano il tono della pelle. Quindi, come se non ci fossero già un milione di motivi per aggiungere il cavolo alla tua dieta, ti stiamo dando ancora un altro motivo per includerlo nel tuo regime alimentare.

Melone di Cantalupo

Il cantalupo, in particolare, può aiutarti nei mesi estivi con il suo contenuto di acqua e elettroliti e farti rimanere idratato.

Il melone contiene circa il 90% di acqua e ottiene il suo colore arancione dai carotenoidi contenuti nella carne.

Quindi, per evitare gli effetti disidratanti e brucianti della pelle del sole, mangia una fetta di melone.

Broccoli

Gli agrumi non sono l’unico posto dove puoi prendere la tua dose giornaliera di vitamina C. Sapevi che una tazza di broccoli ha più del doppio della quantità di vitamina C rispetto a un limone intero?

La vitamina C è importante per le difese immunitarie e per aumentare la produzione di collagene che aiuta il corpo a guarire rapidamente le ferite.

La combinazione di carotenoidi e vitamina C nei broccoli può migliorare il colore e la funzione della tua pelle, dandoti un effetto baciato dal sole.

Zucca

Quando pensi alle zucche, probabilmente pensi ad Halloween. Ma quando l’abbronzatura inizia a svanire in ottobre, puoi contrattaccare e mangiare la tua zucca ricca di carotenoidi che migliorano la pelle.

Spinaci

Gli spinaci sono ricchi di carotenoidi che incentivano l’abbronzatura ma anche di vitamina K che regola la coagulazione del sangue nelle vene e nelle arterie e promuove la salute delle ossa.

Mango

Questo frutto tropicale acido può essere trovato su ogni menu e per una buona ragione.

Non solo è pieno di carotenoidi che aumentano l’abbronzatura, ma è anche ricco di antiossidanti (come la quercetina, l’astragalina e l’acido gallico) che hanno anche la capacità di prevenire il cancro al colon,  al seno, alla prostata e la leucemia.

Peperoni rossi

I peperoni rossi prendono il loro colore vibrante dai carotenoidi, ma mangiarli non renderà la tua pelle rossa. Questi carotenoidi funzionano come avviene per gli altri vegetali e ti conferiscono un effetto glow e abbronzato.

In essi, ci sono alti livelli di vitamine C e A che fanno dei peperoncini rossi una vera cura per la pelle ma anche per la vista.

Pomodori

I pomodori sono uno dei cibi più universalmente usati. Il colore rosso indica la presenza di carotenoidi e uno dei carotenoidi più importanti nel pomodoro è chiamato licopene.

Il licopene pare possa prevenire una serie di malattie come malattie cardiache, cancro, cataratta e asma.