Bere il caffè la mattina SI ma non appena svegliati: bisogna attendere almeno 2 ore

Per alcuni un rito, per altri una necessità ma bere il caffè la mattina è soggetto a regole che vale la pena sapere. Ovviamente se vogliamo goderci in santa pace il caffè mattutino…

Bere il caffè la mattina -Lettoquotidiano
donna assonnata beve il caffè – lettoquotidiano.it
Si stima che circa l’80% degli italiani bevano almeno una tazza di caffè al giorno, ma pochi lo fanno al momento giusto.

Il primo caffè della giornata

L’aroma raggiunge le narici che siamo ancora nel letto, in quel magico momento che precede l’inizio della giornata  e qualcuno ha preparato il caffè per indurci ad abbandonare il letto.

Quante volte siamo stati incitati con questo invito: “è pronto il caffè”. Nel periodo degli studi, per dare la spinta a uscire di casa e iniziare la giornata di studi, in seguito quella lavorativa…insomma il leitmotiv di molti è stato il primo caffè della giornata.

Quelli che arrivano per secondo o terzo, non sono la stessa cosa, e del caffè si è detto tanto, da quale macchinetta dia il cafè più buono, a cosa non si può chiamare caffè pena la scomunica...a se metterci lo zucchero o meno. Il caffè potrebbe far parlare di se talmente tanto, dal dover prendere un caffè per restare svegli…

Ancora una volta veniamo solleticati nell’apprendere che del caffè non sappiamo davvero tuto, come ad esempio che non andrebbe preso al mattino appena svegli. Vediamo di comprendere perché dovremmo cambiare le nostre radicate abitudini.

Bere il caffè la mattina

Le ultime novità arrivano dalle ricerche condotte negli anni, circa questa amata bevanda, che ha stabilito che proprio quando ci svegliamo è il momento in cui secerniamo più cortisolo, un ormone che ci sveglia e ci porta in uno stato di allerta.

Bere il caffè la mattina -Lettoquotidiano
Bere il caffè la mattina -Lettoquotidiano

Ora che ci crediate o no, si verifica il picco di concentrazione di cortisolo secondo il rituale circadiano, tra le 8 e le 9 del mattino. In quel momento, quindi, il corpo è immerso in un processo naturale per cui il caffè non è necessario.

Questo è il motivo per cui un caffè al risveglio ha scarso effetto e aiuta solo a sviluppare la tolleranza alla caffeina o addirittura a indurre il corpo ad uno stato di ansia. Uno stato di ansia che non è davvero desiderabile quando ci si immette nel traffico cittadino per recarsi a lavoro!
Ecco perché viene raccomandato dai ricercatori di “attendere due ore svegli per ricevere la prima dose di caffè da somministrare all’organismo”.
In pratica per fare due conti: per chi si sveglia alle 7, il primo caffè della giornata dovrebbe essere tra le 9:30 e le 11:30, quando i livelli di cortisolo scendono. Dopo tale orario c’è un altro picco di aumento tra le 12 e le 13 e un terzo tra le 17:30 e le 18:30.
Nel frattempo, possiamo bere il caffè dopo aver mangiato e poi dimenticare la caffeina perché il suo effetto dura fino a 12 ore nel corpo. Resta da capire se si desidera o meno cambiare il rituale del risveglio mattutino.
Il primo caffè della giornata -Lettoquotidiano