Home News Usa 2020, il Ministro della Giustizia autorizza le indagini sui “brogli elettorali”

Usa 2020, il Ministro della Giustizia autorizza le indagini sui “brogli elettorali”

CONDIVIDI

Per protesta sull’avvio delle indagini riguardo le elezioni Usa 2020, il procuratore di giustizia Richard Pilger si è dimesso.

Usa 2020
Trump sostiene che le elezioni appena svolte abbiano subito brogli.

Donald Trump è stato un uomo di parola e non si è tirato indietro. L’ormai ex presidente degli Stati Uniti, infatti, non ha ancora accettato la sconfitta subita alla campagna elettorale di Usa 2020.

Per Donald Trump la sfida elettorale è stata caratterizzata da brogli

Trump, come promesso, ha iniziato una vera e propria battaglia legale contro Joe Biden, accusato dall’ex presidente di aver effettuato dei brogli. Nello specifico il suo team legale ha avviato una denuncia in Pennsylvania, sostenendo che Filadelfia e Pittsburgh sono state inondate dai brogli.

Di conseguenza gli avvocati dell’ex presidente hanno chiesto un’ingiunzione d’emergenza per impedire ai funzionari statali di certificare la vittoria di Biden. Nel frattempo anche il procuratore generale degli States, Bill Barr, ha avviato delle indagini sulle presunte irregolarità del voto.

Quest’ultimo è stato a lungo un grande sostenitore del presidente Trump. Nonostante ciò l’uomo ha ribadito come al momento non vi siano prove ma la sua mossa è servita solo a liberare i pubblici ministeri dalle restrizioni riguardo l’indagine.

L’annuncio delle indagini ha scaturito una protesta sfociata nelle dimissioni

Una scelta che ha generato immediatamente delle conseguenze, infatti, dopo l’annuncio delle indagini per protesta uno degli alti funzionari del dipartimento, Richard Pilger, si è dimesso. L’accusa di Pilger ai danni di Barr è quella, infatti, di essersi sottratto alla politica di non interferenza.

Le indagini sui brogli, infatti, devono essere fatte dai singoli Stati e non dal dipartimento di Giustizia, in modo proprio da evitare qualsiasi coinvolgimento federale. D’altro canto Barr, ribadisce come questo genere di pratiche non siano mai veloci e quindi alla prima prova valida che potrebbe ribaltare le sorti delle elezioni di Usa 2020 sarà necessario aprire l’indagine.