Home Politica Silvio Berlusconi, duro ultimatum a Mara Carfagna: “Decida se restare o andare...

Silvio Berlusconi, duro ultimatum a Mara Carfagna: “Decida se restare o andare via”

CONDIVIDI

Arriva l’out out di Silvio Berlusconi a Mara Carfagna, dopo che la deputata azzurra aveva mostrato un’apertura al leader di Italia Viva

silvio berlusconi

Silvio Berlusconi lancia l’ultimatum a Mara Carfagna: dentro o fuori da Forza Italia. 

La cena ad Arcore

Lo scorso 8 novembre Mara Carfagna e Silvio Berlusconi hanno cenato insieme nella villa di lui ad Arcore. Una cena che sembrava aver dissipato i recenti rancori nati dopo le accuse rivolte dalla Carfagna al partito di Silvio Berlusconi per la direzione troppo “salviniana” che, secondo la deputata, Forza Italia stava prendendo.

Un incontro, quello nella villa di Arcore, da cui entrambi sembrano essere usciti senza l’ascia di guerra. Secondo alcune indiscrezioni sembravano, infatti, essere tornate le condizioni per riprendere insieme il passo e rafforzare l’ala moderata del centrodestra.

A rendere necessario un chiarimento era stato soprattutto l’intervento della Carfagna sul palco del teatro Franco Parenti di Milano, durante il festival de Linkiesta. In quell’occasione Mara Carfagna aveva mostrato una vera e propria apertura nei confronti del leader di Italia Viva, Matteo Renzi.

“Se Renzi dichiarasse di non voler sostenere più il governo di sinistra ma di avere altre ambizioni, Forza Italia Viva potrebbe essere una suggestione”

aveva detto la Carfagna, in occasione del festival.

L’ultimatum di Silvio Berlusconi

Oggi arriva l’ultimatum di Silvio Berlusconi alla deputata. Dopo l’apertura a Matteo Renzi e le critiche alla nuova direzione di Forza Italia, il leader del partito di centrodestra lancia il suo aut-aut a Mara Carfagna:

“Decida se restare o andare via”.

Intanto Berlusconi lancia il suo nuovo partito “Altra Italia Viva”, che si preannuncia come una struttura giovane. Un nuovo partito che raccolga in sé il meglio delle liste civiche italiane e che si unisca a Forza Italia, in modo che né l’una né l’altra prevalgano sull’alleata e dal quale possa arrivare il suo successore.