Home Cronaca Orrore a Trapani, partorisce e getta il neonato dalla finestra: identificata la...

Orrore a Trapani, partorisce e getta il neonato dalla finestra: identificata la madre

CONDIVIDI

La madre del piccolo è una ragazza di 17 anni. Il neonato aveva il cranio completamente fracassato.

neonato gettato dalla finestra

L’adolescente sarebbe riuscita a nascondere la gravidanza ai genitori.

Neonato gettato dalla finestra

Un nuovo dramma quello registrato questo pomeriggio a Trapani. Un neonato, appena nato, è morto dopo essere stato gettato dalla finestra dell’abitazione in cui era appena venuto al mondo.

A concepirlo una ragazza di 17 anni, che è già stata identificata. L’adolescente sarebbe riuscita a nascondere la gravidanza ai genitori. Questa mattina il suo bambino è nato, e lei, timorosa di confessare tutto, ha preso il bambino e l’ha gettato dalla finestra.

Il piccolo è stato rinvenuto nell’androne di un condominio, con il cranio completamente fracassato. Il residente del complesso in cui è avvenuta la tragedia ha immediatamente allertato i soccorsi, ma per il bambino non c’è stato nulla da fare.

Sull’episodio indaga ora la Procura dei Minori di Trapani, trattandosi di una ragazza di 17 anni. È plausibile che sul corpicino del bambino venga effettuato nei prossimi giorni l’esame autoptico, anche se, ad un primo controllo, l’impatto con il suolo dell’androne dev’essergli stato fatale.

Neonato abbandonato in un cassonetto

Solo ieri un altro episodio del genere, fortunatamente con risvolti non drammatici, si era registrato a Ragusa. Un bambino appena nato, con ancora il cordone ombelicale attaccato, è stato abbandonato in un cassonetto dell’immondizia

A trovarlo, un passante che ha sentito dei vagiti, e, pensando si trattasse di un animale, ha aperto il portellone del cassonetto ed ha scoperto il neonato, avvolto in una coperto e poi posto in un sacchetto di plastica.

Il piccolo è stato trasferito in ospedale, ma le sue condizioni non sarebbero particolarmente preoccupanti. Intanto, continuano le indagini per identificare la madre del bambino, ricoverato per maggiore cautela nel reparto di terapia intensiva neonatale.