Home News Albania, “Siamo soddisfatti di 50 vittime”: Sindaco licenziato dopo la gaffe sul...

Albania, “Siamo soddisfatti di 50 vittime”: Sindaco licenziato dopo la gaffe sul terremoto

CONDIVIDI

Gaffe in diretta Tv per la sindaca di Durazzo che si dimette dalla carica. Intanto i Vigili del Fuoco rientrano in Italia dopo il terremto in Albania

terremoto in albania

Un errore che le è costato le dimissioni. Ecco cosa ha detto la sindaca di Durazzo sul terremoto in Albania.

La gaffe della sindaca sul terremoto in Albania

Una vera e propria gaffe che le è costata il ruolo di primo cittadino. È quanto accaduto alla sindaca di Durazzo, che ha rassegnato le dimissioni dopo una gaffe in diretta tv.

Il primo cittadino, durante un’intervista all’emittente tv albanese Top Channel, avrebbe detto che

“Dobbiamo essere soddisfatti anche di 50 vittime”.

Valbona Sako intendeva, probabilmente, dire che le vittime avrebbero potuto essere molte di più, vista la grave entità del terremoto in Albania avvenuto la notte del 26 Novembre.

Le parole pronunciate da Sako – riportate da Ansa –  le hanno fatto piovere addosso centinaia di critiche, tanto che il primo cittadino di Durazzo ha annunciato le sue dimissioni in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook.

“Ferita dalla grande e negativa reazione rispetto ad un commento rilasciato in una situazione di stress, ho rassegnato le mie dimissioni”

ha scritto Sako nel suo post sulla pagina social.

Vigili del Fuoco tornano in Italia

Intanto i Vigili del fuoco italiani arrivati in Albania per prestare soccorso alla popolazione, stanno per fare rientro a casa.

Le squadre di Vigili pugliesi e toscane torneranno in Italia domani mattina, mentre i loro colleghi laziali sono rientrati ieri. Il lavoro dei Pompieri italiani è stato fondamentale nelle operazioni di salvataggio, seguite al terremoto in Albania del 26 Novembre, che ha fatto 51 vittime.

Sono stati 175 i Vigili del Fuoco arrivati dall’Italia per prestare aiuto alla popolazione albanese. Il governo non ha mancato di ringraziare più volte i nostri pompieri per il lavoro svolto e l’aiuto da “buoni vicini di casa” che hanno offerto all’Albania.