Home News Scontri a Piazza del Popolo, fermate 16 persone tra cui ultras della...

Scontri a Piazza del Popolo, fermate 16 persone tra cui ultras della Lazio e membri dell’estrema destra

CONDIVIDI

La manifestazione tenutasi a Piazza del Popolo si è trasformata in una guerriglia urbana con l’utilizzo di bombe carta e idranti.

Piazza del Popolo
E’ stato necessario l’intervento di diversi agenti con tuta di sommossa per sedare la rivolta.

Sono almeno 16 le persone fermate dalle forze dell’ordine capitoline a seguito dei duri scontri verificatosi ieri sera a Piazza del Popolo. Gli scontri avrebbero trasformato la pacifica protesta delle Partite Iva in una guerriglia urbana.

Gli scontri sarebbero stati causati da ultras laziali e membri di Forza Nuova

A causare gli scontri, almeno in parte, sarebbero stati diversi ultras della Lazio e membri dell’estrema destra affiliati a Forza Nuova. Queste due fazioni, infatti, sembra si siano infiltrate tra i manifestanti creando caos e disordine per tutta Piazza del Popolo.

Nello specifico gli uomini avrebbero tirato petardi, sampietrini, bottiglie di vetro e bombe carta in strada. Visibilmente scossi i residenti della piazza romana i quali si sono barricati in casa in preda alla paura per gli scontri.

Per riportare la calma è stato necessario schierare decine di agenti antisommossa

Per riportare la situazione alla normalità sono stati messi sul campo una decina di agenti in tuta antisommossa. Quest’ultimi, grazie anche mezzi dotati di idrante, hanno fornito un aiuto fondamentale per disperdere la folla e far, quindi, terminare la manifestazione.

Nonostante ciò però, le azioni sono continuate nelle vie limitrofe della città romana. Le azioni di protesta sono arrivate a coinvolgere persino il centro storico fino a Ponte Regina Margherita e in via Cola di Rienzo, nel quartiere Prati.

Qui gli uomini avrebbero dato fuoco a diversi cassonetti, iniziando a danneggiare, inoltre, le auto di servizio delle forze dell’ordine. Fortunatamente la situazione è stata risolta una volta per tutte con l’ausilio di lacrimogeni.

La manifestazione sulle Partite Iva, inoltre, non è stata l’unica ad essere ospitata ieri, martedì 27 ottobre. Infatti, nella mattinata c’è stata la protesta di gestori di palestre, piscine e scuole di danza in piazza della Rotonda davanti al Pantheon, per chiedere “una riapertura immediata”.