Home Politica Salvini si scaglia contro Conte per le misure prese col nuovo Dpcm

Salvini si scaglia contro Conte per le misure prese col nuovo Dpcm

CONDIVIDI

Matteo Salvini avrebbe criticato la scelta di Conte di chiudere in casa milioni di italiani senza alcun preavviso ed in diretta tv.

Conte Salvini
Salvini avrebbe attaccato le misure indette da Conte.

Matteo Salvini non ha perso tempo e dopo la conferenza stampa fatta dal premier Giuseppe Conte ieri sera è passato subito all’attacco. Nel mirino del leader della Lega ci sarebbe il nuovo Dpcm, il quale entrerà in vigore il prossimo venerdì 6 novembre.

Nuovo lockdown nelle Regioni bollate come Zona Rossa

Durante la conferenza stampa il governo ha scelto di dividere le regioni italiane in macro-aree a seconda del livello di rischio da contagio. In particolare per le zone rosse, composte da Piemonte, Lombardia, Calabria e Valle d’Aosta è già entrato in vigore un nuovo lockdown.

“Chiudono in casa milioni di Italiani, in diretta tivù, senza preavviso, sulla base di dati vecchi di 10 giorni, senza garantire rimborsi adeguati. E intanto lasciano sbarcare più di 2.000 clandestini in poche ore. Conte incapace”.

Come detto però, Matteo Salvini non avrebbe apprezzato quest’ultima decisione, scagliandosi duramente contro Conte con questo messaggio inviato attraverso Twitter.

Le critiche del leader del Carroccio però sarebbero iniziate persino nel pomeriggio. Secondo Salvini, infatti, alle 16 e 15 del pomeriggio i Governatori delle Regioni ancora non sapevano nulla in merito il nuovo Dpcm.

Le regioni hanno già iniziato a lavorare per adeguarsi alle nuove misure

Intanto le regioni non hanno perso tempo provando fin da subito ad adattarsi alle nuove misure del Dpcm. Quest’ultime, come predetto, saranno divisa a seconda della zona della Regione: rossa (ad alto rischio di contagio), arancio (intermedio) e giallo (basso rischio). Infine le regioni sarebbero state divise in questo modo:

Area gialla: Abruzzo, Basilicata, Campania, Friuli, Lazio, Liguria, Marche Molise, Sardegna, Toscana, Umbria, Veneto, le province autonome di Trento e Bolzano, Emilia Romagna.

Area arancione: Puglia e Sicilia.

Area rossa: Lombardia, Piemonte, Calabria, Valle d’Aosta e Calabria.