Home Casi Roberta Ragusa, nuova occupazione per Antonio Logli: cosa fa oggi in carcere

Roberta Ragusa, nuova occupazione per Antonio Logli: cosa fa oggi in carcere

CONDIVIDI

Antonio Logli, in carcere per l’omicidio della moglie Roberta Ragusa, cosa fa oggi in carcere? In attesa di una possibile revisione del processo, ecco la sua occupazione.

Roberta Ragusa, nuova occupazione per Antonio Logli: cosa fa oggi in carcere

La vicenda della povera Roberta Ragusa possiede moltissimi punti interrogativi. Ora però Antonio Logli è occupato in carcere: ecco cosa fa durante il giorno.

La richiesta di revisione del processo

Antonio Logli è detenuto all’interno del carcere di Massa per scontare una pena di 20 anni di reclusione, accusato di omicidio volontario e distruzione del cadavere di sua moglie. L’uomo continua a professarsi innocente, evidenziando di non aver mai fatto nulla a Roberta, nonostante la Cassazione non sia concorde con lui tanto da confermarne la colpevolezza.

Enrico Di Martino è il suo nuovo avvocato che è stato incaricato di compiere indagini mirate al fine di ottenere una possibile revisione del processo. Proprio Logli negli ultimi tempi aveva scritto e inviato una lettera alla trasmissione Quarto Gradocome riportiamo in questo nostro articolo – per evidenziare il suo stato di malessere e spuntare alcune incongruenze in merito alle indagini e ciò che è emerso.

Secondo gli inquirenti il movente sarebbe di natura economica, perché un divorzio dalla moglie – avendo Logli un’amante -avrebbe comportato non solo la perdita dell’Autoscuola Futura ma anche altre questioni legate ai soldi.

La nuova occupazione di Antonio Logli

Proprio il suo nuovo avvocato, come emerge sul settimanale Giallo, ha raccontato quale sia la nuova occupazione di Logli all’interno del carcere dove è detenuto:

“Dopo aver effettuato una serie di lavori a rotazione con gli altri detenuti, a seconda delle esigenze dell’Istituto penitenziario, oggi ha una nuova occupazione: è impiegato presso il lanificio del carcere in affiancamento al tecnico meccanico”