Home Salute & Benessere Ritenzione idrica: cosa può significare per il tuo cuore

Ritenzione idrica: cosa può significare per il tuo cuore

L’accumulo di liquidi in eccesso nel corpo può assumere una varietà di forme dal gonfiore della pancia e delle caviglie gonfie alla nausea, tosse persistente e affaticamento. E incidere sul cuore…

cuore
cuore

All’inizio potresti essere tentato di liquidare questo miscuglio di problemi perché ha poco a che fare con il tuo cuore.

Tuttavia, segnalano tutti ritenzione idrica, che può significare problemi per le persone con una storia di insufficienza cardiaca.

“L’accumulo di liquidi può rapidamente trasformarsi in una situazione pericolosa per la vita“, afferma la dott.ssa Eldrin Lewis, specialista in insufficienza cardiaca presso il Brigham and Women’s Hospital affiliato ad Harvard.

L’insufficienza cardiaca può iniziare con lesioni da infarto o svilupparsi a seguito di danni alle valvole, infezione o malattia delle cellule muscolari del cuore.

Molte volte, è il prodotto di anni di duro lavoro contro l’ipertensione e le arterie ostruite.

Indipendentemente da ciò che innesca il declino, l’insufficienza cardiaca culmina in un progressivo indebolimento del potere del tuo cuore di pompare.

Di conseguenza, il sangue circola attraverso il cuore e il corpo più lentamente; le tue cellule hanno sete di ossigeno fresco e sostanze nutritive.

Per compensare il suo stato indebolito, il cuore subisce una serie di trasformazioni strutturali.

Anche altri processi fisici entrano in gioco. Quando i reni rilevano un flusso sanguigno ridotto, attivano gli ormoni che spingono il corpo a trattenere liquidi e sodio nel tentativo di aumentare il volume del sangue in circolazione.

Cosa cercare

La buona notizia è che puoi dire se stai iniziando a trattenere i liquidi semplicemente salendo sulla bilancia.

Il cambiamento di peso è il primo segno di un problema con l’equilibrio dei liquidi. La maggior parte delle persone manterrà 8-15 kg di liquido in eccesso prima di vedere gonfiore di gambe e pancia. Tuttavia, sintomi come tosse e respiro corto, feci molli, nausea e sensazione pieno quando senza mangiare molto può svilupparsi a 5 a 7 sterline

afferma il Dr. Lewis. Comunica ai suoi pazienti di agire non appena si accorgono che il loro peso aumenta.

Pesatura giornaliera: proteggere il cuore

Il metodo migliore per monitorare il peso è la pesatura giornaliera.

Il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di mantenere il tuo peso il più vicino possibile al tuo “peso secco”. Questo è il tuo peso normale quando non trattieni il liquido.

Se di recente sei stato in ospedale o hai avuto le tue medicine modificate, potresti già conoscere il tuo peso a secco.

In caso contrario, il medico o l’infermiere può aiutarti a determinare il numero giusto. Per avere un quadro accurato dell’andamento del peso:

  • Registra il tuo peso a secco e confronta le letture della bilancia giornaliera con questo numero, non con il peso della bilancia del giorno precedente.
  • Annota i tuoi pesi quotidiani in un diario o in un piccolo quaderno e porta questo record alle visite del medico.
  • Attenersi a una normale routine quotidiana. Anche piccole modifiche al tuo schema regolare possono alterare il tuo peso di 2 libbre o più.

Pesati ogni giorno alla stessa ora usando la stessa bilancia. Un buon momento è la mattina prima di fare colazione, ma dopo aver urinato (una vescica piena può aggiungere fino a una libbra). Pesati senza vestiti o solo in biancheria intima.

Agire contro la ritenzione idrica

Se guadagni più di 2 sterline in un giorno o 4 sterline in una settimana, il dottor Eldrin consiglia di seguire questi passaggi:

Pensa agli alimenti che hai mangiato nei giorni precedenti all’aumento di peso e cerca fonti di sodio o liquidi extra nella tua dieta che potresti essere in grado di eliminare.

Se il tuo peso non torna alla normalità in un giorno o due, chiama il medico o l’infermiere per un consiglio. Potrebbe essere necessario aumentare la tua medicina diuretica o riconsiderare la quantità di liquido che stai bevendo, per non affaticare il cuore.