Home Cronaca Violentata in discoteca da due ragazzi, il terzo filma tutto: arrestati due...

Violentata in discoteca da due ragazzi, il terzo filma tutto: arrestati due cugini

CONDIVIDI

Ragazza violentata dopo una serata in discoteca, a Milano. Arrestati 2 cugini

ragazza violentata

Violentata a turno da 2 cugini, mentre un altro filmava la scena. Arrestati 2 giovani per uno stupro a Milano.

La serata in discoteca a Milano

Uno dei 2 ragazzi lo aveva conosciuto qualche sera prima in quella stessa discoteca, nella zona dell’idroscalo, così quando l’aveva rivisto la sera del 4 agosto dello scorso anno, aveva deciso di trascorrere con lui ed i suoi amici la serata. Una serata che per lei, di lì a breve, sarebbe diventata un vero incubo.

Seduta al bancone del bar, stando a quanto riferito dalla giovane, uno dei due ragazzi le avrebbe preso il bicchiere, plausibilmente per versarle qualche droga nel cocktail visto che poi la ragazza ha raccontato:

“Dopo che mi diede il bicchiere, non capivo più nulla”

Ragazza violentata dopo serata in discoteca

Dopo aver trascorso la serata in discoteca con i 2 ragazzi, entrambi originari del casertano, la giovane accetta un passaggio da loro.

I ragazzi però non la riaccompagnano a casa, ma la portano in un appartamento per violentarla, a turno. A quella violenza avrebbe assistito anche un altro ragazzo, minorenne, del quale si occuperà il Tribunale dei minori. Il più giovane dei tre non avrebbe partecipato materialmente allo stupro, ma avrebbe filmato tutta la scena col suo telefonino.

Dopo una prima violenza, i due ragazzi avrebbero stuprato la vittima una seconda volta in auto mentre la riportavano a casa. Per gli aggressori, cugini tra loro, è stata emessa un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. L’interrogatorio del gip è fissato per questo pomeriggio.

Accusati della violenza sarebbero Francesco F., 26enne di Caserta, e Antonio M., 32enne originario di San Felice a Cancello – sempre in provincia di Caserta. Quest’ultimo era stato inserito in un programma di protezione testimoni, perché legato da una parentela con esponenti di un clan della zona.