Home News Proroga dello Stato di emergenza: conseguenze per scuola, collegamenti e non solo

Proroga dello Stato di emergenza: conseguenze per scuola, collegamenti e non solo

CONDIVIDI

Le conseguenze della Proroga dello Stato di Emergenza Coronavirus influenzano la scuola, lo smart working non solo: i dettagli.

conseguenze proroga stato di emergenza
premier giuseppe conte

Scopriamo quali sono le conseguenze della proroga dello stato di emergenza Coronavirus approvata dal Senato con 157 voti favorevoli.

L’appello di Conte è stato chiaro:

Il virus continua a circolare, la proroga è necessaria

La nuova scadenza è fissata per l’autunno 2020 e ciò comporterà non pochi cambiamenti, saranno influenzate la scuola, lo smart working, i collegamenti con i paesi colpiti e non solo.

Scopriamo cosa significa per l’Italia la proroga dello stato di emergenza.

Conseguenze della Proroga dello stato di emergenza

Ecco quali sono gli effetti della proroga dello stato di emergenza covid-19 fino al 15 ottobre.

Conte ha confermato che le conseguenze di questa decisione riguardano:

  1. il lavoro, con il proseguimento dello smart working dove possibile
  2. eventuali blocchi dei collegamenti con i Paesi maggiormente colpiti dal coronavirus per preservare l’Italia da un ulteriore lock down
  3. pagamento delle pensioni anticipato per scaglionare l’ingresso alle poste
  4. misure straordinarie per la scuola
  5. soccorso sanitario
  6. navi che controllino i migranti

Smart Working

Dal 25 Febbraio lo smart working è entrato rigorosamente a far parte delle nostre vite per far fronte all’emergenza Covid-19.

La nuova scadenza dello stato di emergenza prorogata fino al 15 ottobre include anche lo smart working.

Roberto Gualtieri ha menzionato la deroga delle norme sui contratti a termine e l’estensione delle procedure semplificate per lo smart working del settore privato.

Optare per lo smart working , se e dove possibile, è la scelta più indicata in questa situazione di crisi sanitaria nazionale e mondiale.

Il Decreto Rilancio ha anche stabilito che i lavoratori con figli minori di 14 anni hanno diritto a lavorare in smart working fino alla fine dello stato di emergenza.

Blocco collegamenti con Paesi più colpiti

I voli, i treni e tutti gli altri mezzi di trasporto che collegano l’Italia con i paesi più a rischio potranno essere bloccati in qualunque momento.

Questa scelta è già stata messa in atto e la lista nera comprende 16 nazioni, potrebbe allungarsi tanto quanto accorciarsi nei prossimi mesi dipenderà dall’andamento della pandemia.

La scuola in sicurezza

Per la scuola sono state scelte delle misure straordinarie che possano garantire agli studenti di poter proseguire l’anno scolastico al meglio.

Il commissario Domenico Arcuri ha il compito di provvedere alla messa in atto delle misure straordinarie come l’acquisto dei monobanchi per garantire il distanziamento tra gli studenti.

Le lezioni online intervallate da quelle in aula faranno ancora parte del metodo di insegnamento ma si potrà tornare in aula finalmente con le dovute precauzioni.

Soccorso Sanitario

Il sistema Gros è ‘la centrale operativa remota di soccorso sanitario‘, ricorda il premier.

In mancanza di posti letto sarà proprio Gros a intervenire per gestire il trasferimento e lo smistamento dei pazienti nelle regioni limitrofe, o più lontane se necessario.

Si assicura anche un potenziamento delle strutture ospedaliere.

Pagamento anticipato delle pensioni

Il pagamento delle pensioni continuerà ad essere dilazionato per evitare assembramenti negli uffici postali.

La conferma della proroga dello stato di emergenza ha quindi stabilito nuovamente l’anticipo di:

  • termini di pagamento delle pensioni
  • degli assegni
  • indennità di accompagnamento per invalidi civili

I giorni previsti per ricevere la pensione di agosto anticipatamente sono ufficializzate nel calendario nell’INPS.

Navi per controllare gli emigrati

Conte conferma che la proroga ha prolungato l’effetto anche al noleggio delle navi per sorvegliare la situazione sanitaria dei migranti che varcano i confini italiani.