Home News Previsioni Prezzo Petrolio: il mercato del greggio West Texas Intermediate è crollato

Previsioni Prezzo Petrolio: il mercato del greggio West Texas Intermediate è crollato

CONDIVIDI

I mercati del petrolio greggio WTI hanno avuto un andamento altalenante nell’ultima sessione.

petrolio

Gli analisti di Eurasia hanno affermato in una nota che l’epidemia minaccia le speranze di una ripresa economica globale che potrebbe ridurre la domanda di combustibili dal gas per aviazione al diesel.

Anche i mercati del Brent sembrano molto deboli, ma si sono stabilizzati negli ultimi due giorni.

Prezzo Petrolio 2020: crollo della domanda e volatilità

Sia il petrolio che l’oro hanno vissuto momenti di massima volatilità in questo anno pandemico.

I prezzi del petrolio hanno iniziato il 2020 a oltre $ 60 al barile, sono scesi ai minimi di aprile – con i future sul greggio WTI del primo mese che si sono assestati un giorno a un prezzo negativo – e sono saliti a $ 40 in estate, rimanendo in range da allora.

Il crollo della domanda ha spinto il prezzo del petrolio al ribasso, mentre l’aumento dell’incertezza sulla ripresa economica e della domanda di petrolio, nonché i timori di una seconda ondata di COVID-19, hanno spinto gli investitori a cercare beni ed investimenti più sicuri come l’oro, spingendo il prezzo del metallo prezioso a $1,930.44.

Mercato petrolio pessimista: i dati dell’EIA

Il mercato del petrolio torna ad essere pessimista. L’EIA ha riportato un balzo a sorpresa delle scorte di greggio e una domanda di benzina più debole, aumentando il sentimento ribassista.

I casi di Covid-19 sono in aumento in Europa e in India e la domanda di petrolio dell’India dovrebbe contrarsi quest’anno per la prima volta in oltre quattro decenni.

“Ci vorranno tre anni prima che la domanda globale di petrolio riprenda da COVID alla sua nuova normalità, supponendo che abbiamo un vaccino o una cura”,

hanno riportato gli analisti della Bank of America in un rapporto recente.

Petrolio, Trump vieta le perforazioni offshore in Florida, Georgia e Carolina del Sud

L’amministrazione Trump ha annunciato che bloccherà le perforazioni petrolifere offshore in Florida, Georgia e Carolina del Sud. Mentre la costa atlantica è rimasta una regione speculativa e probabilmente non competitiva per i perforatori, il Golfo del Messico orientale è stato a lungo apprezzato (e off-limits) per l’industria.

Fino ad ora, l’amministrazione ha sostenuto l’apertura di quella sezione per le trivellazioni, ma con il principale stato di battaglia della Florida in palio, Trump ha invertito la rotta.