Home News Previsioni Euro/Dollaro USA: Euro continuerà ad essere vulnerabile

Previsioni Euro/Dollaro USA: Euro continuerà ad essere vulnerabile

CONDIVIDI

Dopo una ripresa iniziale durante la sessione di negoziazione di lunedì, l’Euro è sceso dai massimi per formare una candela.

Euro/Dollaro

Si è in presenza di un intervallo di scambio, tra il livello di 1,17 in basso e il livello di 1,19 in alto.

L’euro continuerà probabilmente ad essere vulnerabile a causa del fatto che il dollaro USA è in generale ipervenduto.

Per quattro sessioni di trading consecutive, la coppia di valute EUR / USD ha cercato di correggersi al rialzo, ma i suoi guadagni non hanno superato la resistenza a 1,1844, dove è stabile al momento della scrittura dell’articolo.

Ciò è accaduto prima dell’evento più importante di questa settimana, ovvero le dichiarazioni del governatore della Federal Reserve statunitense Jerome Powell al simposio di Jackson Hole.

Il livello più basso per la coppia di valute durante il trading di questa settimana è stato vicino al supporto di 1,1772.

Previsioni Euro/Dollaro: gli analisti di ING

Commentando la recente performance della coppia, gli analisti di ING ritengono che il tasso di cambio EUR / USD stia per scendere sotto 1,17, poiché vedono che il periodo di performance economica superiore nell’Eurozona sta svanendo.

Il PMI composito di agosto – che include i numeri di produzione e servizi in base alla loro quota dell’economia complessiva – si è attestato a 51,6, inferiore alle attese 54,9 e 54,9 da luglio.

La lettura del PMI dei servizi dell’Eurozona per agosto era pari a 50,1 secondo IHS Markit, che è inferiore alle aspettative di 54,5 e al di sotto della lettura di 54,7 a luglio.

Allo stesso tempo, gli analisti di ING non vedono

“cambiamenti radicali in atto nei fattori che hanno guidato il rally, quindi siamo felici di mantenere il nostro obiettivo per il mese a 1,20”.

Sembra che il tasso di cambio della coppia EUR / USD sia entrato in una fase stabile e costante, poiché gli indicatori tecnici indicano che lo slancio rialzista della coppia è in calo poiché il dollaro si trova meglio supportato.

L’euro è stato fissato a 1,1837, dopo essere salito intorno ai massimi di 1,1965 la scorsa settimana prima del rilascio di dati PMI deludenti e del ritorno della forza del dollaro.