Home Politica Consiglio Europeo dal 17 al 18 luglio: si decide sul Bilancio pluriennale...

Consiglio Europeo dal 17 al 18 luglio: si decide sul Bilancio pluriennale e sul Recovery Fund

CONDIVIDI

Politica economica: summit 17-18 luglio tra i leader dell’UE

I leader dell’UE si incontreranno dal 17 al 18 luglio per cercare un accordo sul bilancio e sul fondo di recupero.

I leader dell’UE si riuniranno di persona per un summit il 17 e 18 luglio a Bruxelles per cercare di raggiungere un accordo sul bilancio pluriennale e sul Recovery Fund, ha sottolineato il portavoce del Presidente del Consiglio europeo Charles Michel.

“Il 17 e 18 luglio @eucopresident chiamerà uno straordinario #EUCO sul pacchetto di recupero e sul QFP. L’incontro fisico inizierà il 17 alle 10 nell’edificio Europa”,

ha twittato il portavoce Barend Leyts.

Michel ha dichiarato a seguito del summit virtuale di venerdì che i leader si riuniranno a metà luglio: tutti i leader EU dovrebbero partecipare a una cerimonia commemorativa per le vittime del COVID-19 a Madrid il giorno prima del summit di luglio.

Durante la videoconferenza di venerdì, i leader dell’UE hanno trascorso circa quattro ore in cui hanno ribadito le proprie posizioni sulla proposta della Commissione europea per un bilancio dell’UE di 1,1 trilioni di euro e un Recovery Fund di 750 miliardi di euro.

Il vertice cercherà di raggiungere un accordo su una serie di questioni che rimangono irrisolte, incluso il modo in cui i fondi per il recupero dovrebbero essere assegnati e le eventuali condizioni per l’accesso ai fondi.

Sono in sospeso anche molte altre controversie, tra cui la dimensione complessiva del pacchetto e la percentuale di sovvenzioni e prestiti al suo interno.

Martedì scorso il Presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha riferito ai membri senior del Parlamento europeo per organizzare un vertice il 17 luglio.

Il summit dovrebbe durare due giorni suggerisce che Michel si aspetta lunghe sessioni negoziali come parte di uno sforzo per raggiungere un accordo.

Consiglio Europeo 17-18 luglio: Recovery Fund e Bilancio pluriennale UE

I leader dell’UE discuteranno sul Recovery Fund da 750 miliardi di euro (842 miliardi di dollari) proposto dal presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

Il pacchetto proposto comprende 500 miliardi di euro in sovvenzioni – come suggerito dalla Francia e dalla Germania – e 250 miliardi di euro in prestiti, per aiutare le imprese dell’Eurozona a riprendersi da una crisi senza precedenti.

La proposta si baserebbe sull’indebitamento dell’UE nell’arco di quattro anni e richiede l’approvazione unanime da parte dell’UE 27.

Un gruppo di paesi, i cosiddetti “quattro frugali”, stanno cercando di frenare la spesa, che è destinata principalmente ai paesi più poveri dell’Europa meridionale più colpiti dall’epidemia di COVID-19.

I Paesi Bassi, l’Austria, la Danimarca e la Svezia, i cosiddetti “quattro frugali”, insistono sul fatto che i prestiti con condizioni difficili, piuttosto che le sovvenzioni, dovrebbero essere il metodo di salvataggio migliore.

Altri paesi sostengono che il piano della commissione attribuisce in modo errato le risorse: troppe risorse economiche ai paesi dell’Europa dell’Est che non sono mai stati in prima linea nella pandemia.

Il presidente francese Emmanuel Macron visiterà i Paesi Bassi martedì per discutere di persona con il primo ministro Mark Rutte.

Venerdì, durante un summit virtuale dell’UE, Rutte ha riferito ai leader di non credere che

“sia necessaria un’enorme corsa”.

Macron, da parte sua, ha affermato che era

“essenziale … raggiungere rapidamente un accordo ambizioso”.

A complicare ulteriormente le cose, il fondo di risanamento è collegato al bilancio pluriennale a lungo termine dell’UE, che i leader negozieranno in concomitanza.

I leader si sono incontrati fisicamente a febbraio e si sono lasciati dopo due giorni di colloqui senza raggiungere un accordo sul bilancio dell’UE.

A causa delle norme di sicurezza sanitaria durante la pandemia, le riunioni successive si sono svolte virtualmente.

Non sarà probabilmente possibile trovare l’intesa già al Consiglio europeo convocato per il 17-18 luglio a Bruxelles, ma molti premono per una decisione da prendersi in tempi rapidi.

Da questa dipenderà poi l’accordo sul bilancio pluriennale dell’Unione europea e, in ultima analisi, la possibilità di utilizzare al più presto i fondi per uscire da una crisi che ha un impatto devastante su molti Paesi dell’Unione, in particolare su quelli che avevano già difficoltà a riprendersi dalla precedente crisi economica e finanziaria.