Home News L’Olio CBD viene classificato come stupefacente

L’Olio CBD viene classificato come stupefacente

CONDIVIDI

Con un decreto ministeriale firmato lo scorso 1° ottobre l’olio CBD è stato inserito nella lista dei medicinali.

olio CBD
Da quest’oggi L’olio CBD rientra fra le sostanze stupefacenti.

L’olio al CBD, il quale sfrutta il principio attivo della cannabis, sarebbe stato classificato come stupefacente con l’ultimo decreto.

Da quest’oggi l’olio CBD è considerato a tutti gli effetti uno stupefacente

Nonostante la medicina e l’OMS abbiano riconosciuto il principio della cannabis non psicotropo, infatti, è stata questa la scelta presa dal Ministro della Salute. E’ stato proprio quest’ultimo, infatti, a rendere ufficiale la notizia firmando il predetto decreto.

Di conseguenza, il decreto firmato lo scorso 1° ottobre è entrato in vigore proprio quest’oggi:

“Nella tabella dei  medicinali è inserita, secondo l’ordine alfabetico, la seguente categoria di sostanze: composizioni per somministrazione ad uso orale di cannabidiolo ottenuto da estratti di Cannabis”.

Uno dei motivi legati al bando dell’olio CBD sarebbe l’introduzione sul mercato di un medicinale basato proprio su quest’ultimo. Nello specifico parliamo dell’Epidiolex, un farmaco basato proprio sul CBD e prodotto dall’azienda farmaceutica GW Pharmaceuticals.

Sarebbe stato messo sul mercato un medicinale che utilizza il predetto olio

Attualmente però, l’Azienda Italiana del Farmaco, la AIFA sta ancora esaminando la richiesta d’autorizzazione per la messa in commercio del medicinale. Quest’ultimo andrà ingerito come soluzione orale e contiene, come predetto, cannabidiolo.

Il medicinale, inoltre, ha già ricevuto l’autorizzazione per l’immissione in commercio centralizzata da parte dell’European Medicines Agency (EMA) per essere usato per i pazienti in trattamento con sindrome di Dravet e sindrome di Lennox.

“Nella tabella dei medicinali sono indicati i medicinali a base di sostanze attive stupefacenti ivi incluse le sostanze attive ad uso farmaceutico”

Questo, infine, sarebbe l’altro motivo indicato per cui l’olio CBD è da oggi rientrato nella categoria degli stupefacenti.