Home News Nuovo Dpcm in bozza: STOP a palestre e piscine. Ristoranti e bar...

Nuovo Dpcm in bozza: STOP a palestre e piscine. Ristoranti e bar chiudono alle 18, chiusi la domenica

CONDIVIDI

Tra le novità del nuovo Dpcm: le piscine e le palestre dovranno stare chiuse e coprifuoco anticipato alle 18:00.

La scuola, secondo il nuovo Dpcm, sarà a distanza per il 75% delle scuole superiori. I convegni ed i concorsi, insieme agli spettacoli si arresteranno.

La bozza

Per il momento, il nuovo Dpcm non è ancora realtà però è trapelata già una prima bozza. Le nuove misure riguardano principalmente le attività commerciali ma anche i ristoranti. Il documento potrebbe essere presentato già stasera in diretta tv. Il documento dovrebbe entrare in vigore già da lunedì.

Il bollettino di oggi conferma la crescita della curva, con 151 nuovi deceduti. La percentuale dei tamponi effettuati è dell’11%. Nonostante questo, il premier ha escluso un nuovo lockdown nazionale.

Vediamo nel dettaglio i paletti del nuovo Dpcm

La didattica a distanza sarà al 75% per le scuole superiori. Il 25% degli studenti, dunque, sarà in classe. Sarà in presenza per scuole elementari e medie. Ciò nonostante i governatori regionali abbiano chiesto una Dad al 100%.

Per quanto riguarda bar e ristoranti (pub, gelaterie, pasticcerie) si prospetta una chiusura alle 18:00 e una serrata totale nel fine settimana. Anche in questo caso, alcuni governatori regionali avrebbero chiesto di posticipare le chiusure alle 22:00. Inoltre, le persone consentite per tavolo scendono a 4, a meno che non siano conviventi.

Chiuderanno anche le palestre e le piscine. Stesso dicasi anche per i centri benessere. Sospesi anche tutti gli spettacoli teatrali e proiezioni al cinema.

Per quel che riguarda gli spostamenti, il documento consiglia di limitare gli spostamenti tra comuni, se non per strette necessità. Si chiederebbe anche di evitare le cene di famiglia.

Non si potranno sostenere i concorsi pubblici, a meno che non siano necessari a ricercare figure utili alla pandemia. Se possibile, si svolgeranno in via telematica.

Anche i congressi ed i convegni dovrebbero svolgersi online e non in presenza, mentre le manifestazioni saranno consentite soltanto in forma statica.

Qui la bozza del nuovo Dpcm 24 ottobre 2020