Home News Mobilità sostenibile, ecco perchè le auto a metano sono le più green

Mobilità sostenibile, ecco perchè le auto a metano sono le più green

CONDIVIDI

Data l’onda verde che cresce a livello mondiale, si parla sempre più di mobilità sostenibile. Si è scoperto che quella che i veicoli più sostenibili sono quelli che utilizzano la propulsione a metano

Mobilità sostenibile
Mobilità sostenibile

Le auto a metano – mobilità sostenibile – sono considerate le più virtuose e a dircelo è uno studio comparativo, condotto dall’ADAC cioè l’automobile club tedesco, che è stato svolto sull’intero ciclo di vita dei veicoli.

La mobilità più rispettosa è quella a metano

Ultimamente abbiamo sentito sempre più spesso parlare della mobilità sostenibile, che spesso “vende” le auto elettriche come quelle più pulite. Ne avevamo già parlato in un articolo precedente. La mobilità più rispettoso dell’ambiente è quella a metano.

A dircelo è uno studio che è stato commissionato all’istituto Joanneum Research dall’Adac.

Esso non tiene conto esclusivamente delle emissioni durante l’uso ma analizza il suo intero ciclo di vita, partendo dalla produzione fino allo smaltimento.

I parametri dello studio

Lo studio condotto, oltre a tener conto delle emissioni d’anidride carbonica, ha analizzato anche la NOx e CH4. I veicoli che hanno il minor impatto per il clima sono quelle a gas metano, seguite quasi a pari merito dalle auto elettriche, diesel e per finire quelle a benzina. Per fare meglio dei veicoli a metano la corrente dei veicoli elettrici deve nascere da fonti rinnovabili oppure dobbiamo considerare le auto ad idrogeno.

Se analizziamo la realtà produttiva tedesca, scopriamo facilmente che l’energia elettrica è prodotta da fonti non rinnovabili.

Infatti la produzione deriva dal carbone e lignite 35,4%, gas 12,9%, Fer 4,9%, nucleare 11,8%. Un’auto elettrica in questa realtà l’impatto ambientale delle e-car, cala rispetto a quelle diesel solo dopo una percorrenza di 219.000 km e non sarà mai più ecologica di quelle a metano. Questo deriva soprattutto dall’inquinamento prodotto nella costruzione delle batterie.