Home Cronaca Militare annegato a Milazzo, parla il 15enne salvato: “Non sono pazzo, piango...

Militare annegato a Milazzo, parla il 15enne salvato: “Non sono pazzo, piango per lui”

CONDIVIDI

Il sottufficiale della Guardia Costiera, Aurelio Visalli, è morto dopo aver salvato due adolescenti che rischiavano di annegare.

visalliparla 15enne salvato

Uno dei ragazzi tratti in salvo dal militare ha raccontato tra le lacrime quegli attimi concitati, prima che il corpo di Visalli venisse risucchiato dalle acque.

Il salvataggio e la morte del militare

Era lo scorso sabato pomeriggio, quando Aurelio Visalli, sottufficiale della Guardia Costiera, è morto per salvare due adolescenti dalla furia del mare.

La tragedia è avvenuta a Milazzo: alcuni passanti hanno notato i due ragazzi in difficoltà ed hanno lanciato l’allarme. Sono quindi intervenuti 3 ufficiali della Guardia Costiera, tra cui la vittima.

I due adolescenti sono stati messi in salvo, ma un’onda ha travolto Visalli, che in un attimo è stato risucchiato dall’acqua e di lui si sono perse le tracce per diverse ore, fino a quando, domenica mattina, il corpo è stato ritrovato sulla scogliera della Baia del Tono.

La famiglia del sottufficiale ha lanciato pesanti accuse, denunciando un presunto ritardo nei soccorsi e, soprattutto, la mancanza di equipaggiamento fornita ai militari, che hanno dovuto avventurarsi in mare senza alcun mezzo di soccorso.

Le parole del 15enne salvato

Dopo la morte del sottufficiale, il popolo del web si è scagliato contro i due ragazzi, salvati dal mare in tempesta.

Dalle colonne di Repubblica, uno dei due adolescenti ha raccontato quegli attimi concitati, costati la vita al sottufficiale.

“Non sono così pazzo da lanciarmi fra le onde che potevano uccidermi. Non ho fatto alcuna bravata. Siamo caduti in mare vestiti, mentre facevamo parkour”

ha raccontato il ragazzo.

“Gli ho urlato: non venite, è troppo pericoloso. Ma lui si è buttato lo stesso, anche se mi ha sentito, ne sono sicuro”.

Il ragazzo, che è stato ricoperto di insulti sui social, ha raccontato di piangere tutte le notti, ripensando a quel drammatico pomeriggio.

Lui stesso non si era accorto che il militare fosse morto e quando ha letto la notizia, ha chiesto scusa alla famiglia di Visalli.