Home News Mari più puliti dopo il lockdown, i risultati dello studio

Mari più puliti dopo il lockdown, i risultati dello studio

CONDIVIDI

 

 

I mari italiani sono più puliti, limpidi e trasparenti dopo il lockdown. A dircelo sono i risultati di uno studio condotto nel nostro paese.

Mari più puliti dopo il lockdown, i risultati dello studio

Il nostro ambiente continua a godere di alcuni benefici del lockdown come ad esempio il fatto che i nostri mari risultano più puliti, trasparenti e limpidi, se raffrontati con gli anni precedenti. L’inquinamento ridotto non è quindi solo a livello di aria, ma possiamo vedere la sua riduzione anche in altri ambiti. A darci questa buona notizia è un recente studio.

Un ulteriore beneficio per il nostro ambiente

Un recente report steso in collaborazione tra la Protezione dell’Ambiente ed il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto ha analizzato come sono le attuali condizioni dei nostri mari nel periodo post lockdown. Si tratta di un monitoraggio straordinario, che mira a capire quale sia l’attuale situazione nel post covid 19. Si ha comunque una situazione stabile che tende a migliorare, anche nelle zone a forte presenza antropica. La situazione è  stabile anche analizzando le le sostanze legate alle attività produttive.

Dal report emerge una buona notizia, cioè che i mari italiani ora che non c’è più il lockdown sembrano essere decisamente più limpidi. Questo è affermato sulla base dei prelievi di campioni avuti da 457 stazioni di prelievo e successivamente analizzate.

In alcune regioni italiane si è arrivati ad un risultato insperato: la trasparenza delle acque del mare è addirittura superiore alla media. Un esempio sono alcuni tratti costieri del Ponente Ligure, dove la media della visibilità della colonna d’acqua lo scorso anno era attorno ai 10 metri, quest’anno si arriva a quindici metri di profondità.

Il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha commentato il report dicendo che il governo si impegnerà per il futuro a mantenere questi risultati raggiunti, vedendoli come nuovi standard.