Home News Annega i tre figli piccoli, arrestata una giovane mamma: “Volevo salvarli dagli...

Annega i tre figli piccoli, arrestata una giovane mamma: “Volevo salvarli dagli abusi del padre”

CONDIVIDI

Laura Carrillo, 30 anni, ha confessato il triplice omicidio dei suoi bambini davanti ai microfoni di un’emittente televisiva.

annega i tre figli

La donna ha accusato il suo ex compagno, nonché padre dei bambini, di averli violentati ripetutamente.

Orrore a Los Angeles: giovane madre annega e uccide i suoi tre figli

Si chiamavano Joanna, Terry e Sierra i bambini di 3, 2 anni e sei mesi che sono stati uccisi dalla madre in un appartamento del quartiere Reseda a Los Angeles.

Laura Carrillo, 30 anni, è stata arrestata con l’accusa di omicidio volontario.

La giovane mamma avrebbe ucciso i suoi tre figli nel bel mezzo di un’aspra battaglia per la custodia con il suo ex compagno.

Laura Carrillo ha confessato il triplice omicidio durante un’intervista ad un’emittente televisiva nazionale.

“Li ho annegati, non volevo che subissero ulteriori abusi. Li ho abbracciati e baciati e mi sono scusata per tutto il tempo”,

ha confessato la donna.

La fuga della madre

I tre bambini sono stati trovati morti dalla nonna lo scorso sabato.

Laura Carrillo è stata arrestata qualche ora il drammatico ritrovamento nella contea di Tulare, ad oltre 300 chilometri di distanza dal luogo del delitto.

Ai poliziotti che l’hanno fermata, la donna ha confessato che aveva guidato verso nord con l’intenzione di lanciarsi da un dirupo con l’auto, che però è rimasta bloccata.

Ha quindi rubato la vettura di alcune persone che si erano fermate per aiutarla ed ha tentato la fuga.

La giovane madre aveva lanciato pesanti accuse contro il fidanzato nonché padre dei bambini, Erik Denton, sostenendo che il compagno avesse abusato sessualmente di loro.

Leggi anche –> Mescola la cena con il veleno e uccide il compagno della madre: 19enne arrestato. Grave la donna

Denton si è invece difeso parlando di atteggiamenti deliranti da parte della donna.

“Era convinta di essere l’unica responsabile della pandemia e che la sua città natale, Porterville, fosse stata assediata da una rete di pedofili”

ha riferito Denton, che il mese scorso aveva chiesto una valutazione della salute mentale della sua ex.