Home Casi Luca Sacchi, l’ombra dietro Anastasiya e Princi emersa dai tabulati telefonici

Luca Sacchi, l’ombra dietro Anastasiya e Princi emersa dai tabulati telefonici

CONDIVIDI

In questi giorni c’è silenzio sulle indagini per la morte del povero Luca Sacchi, ma spunta un’ombra dai tabulati telefonici di Anastasiya e Princi

Luca Sacchi
Luca Sacchi

Dopo tante ore di silenzio sulla morte di Luca Sacchi, emerge qualcosa di molto importante tra i tabulati telefonici di Princi e Anastasiya.

La sera prima dell’omicidio

I protagonisti di questa terribile vicenda sono tantissimi anche se l’unica vittima è il povero ragazzo romano, freddato da un colpo di pistola alla nuca sparato da Valerio Del Grosso – ora in prigione.

Come raccontato dalla madre della vittima, la sera prima dell’omicidio accade qualcosa di molto strano. Anastasiya si sarebbe dovuta fermare a cena dalla famiglia del fidanzato ma ad un certo punto esce di casa e scompare per molte ore.

Luca racconta alla madre che Anastasiya si sarebbe dovuta incontrare con Princi, l’amico di scuola riapparso da qualche tempo e con la quale Anastasiya sembrava avere degli sguardi di intesa.

La ragazza arriva in casa Sacchi sul tardi, accompagnata da Princi e saluta la madre di Luca – oramai a letto – giustificando il suo ritardo per accogliere gli ospiti della casa vacanze. Dato non confermato poi dai genitori della vittima, che il giorno dopo hanno controllato sul registro dove non era indicata alcuna persona.

I tabulati telefonici di Anastasiya e Princi

Ma ci sono altre ombre in questa vicenda, infatti come riporta il settimanale Giallo sembra che dai tabulati telefonici dei due protagonisti sia emerso qualcosa di molto strano.

Lo studio di questi tabulati ha portato alla luce una serie di chiamate verso Fabio Casali, noto per essere un narcotrafficante di Roma ma legato allo spaccio tra Italia e Sud America.

Il triangolo ha visto una chiamata fatta da Princi a Casali, poi una ad Anastasiya e poi di nuovo a Casali. Su questo dettaglio ora gli inquirenti stanno lavorando, per mettere in ordine tutti i tasselli.