Home Casi Lecce, anziano picchiato davanti allo studio medico: dottore torna libero

Lecce, anziano picchiato davanti allo studio medico: dottore torna libero

CONDIVIDI

Il medico arrestato per aver picchiato un anziano di fronte al suo studio medico in provincia di Lecce torna in libertà dopo due mesi ai domiciliari.

Anziano picchiato dal medico
Anziano picchiato dal medico

Non ha lasciato indifferenti la vicenda dell’anziano picchiato dal medico di base di fronte al suo studio in provincia di Lecce. Ora il dottore è di nuovo in libertà.

L’anziano picchiato in provincia di Lecce

Mentre l’emergenza coronavirus imperversava in tutta Italia a Calimera in provincia di Lecce si è consumata una terribile vicenda compiuta proprio da un medico.

Nel piccolo centro in provincia di Lecce infatti un anziano ha subito un’aggressione inconcepibile: il suo medico di base lo ha colpito a calci, schiaffi e pugni in mezzo alla strada.

I due avevano infatti avuto una lite di fronte allo studio medico per una futile incomprensione su una ricetta: i toni si sarebbero presto alzati portando il professionista sanitario a spingere a terra l’86enne.

I successivi colpi ai danni dell’anziano hanno spinto alcuni passanti a riprendere in un video la scena.
Solo con l’intervento di una donna uscita dallo studio del dottore ha posto fine alla folle aggressione.

L’anziano, soccorso e medicato, presentava numerosi lividi e due costole incrinate: la sua testimonianza alla trasmissione “Chi l’ha Visto” ha scioccato e commosso tutti.

Il medico di nuovo libero dopo gli arresti domiciliari

Il medico era stato immediatamente arrestato e in attesa degli sviluppi dell’indagine la Asl di Lecce lo aveva sospeso dal servizio.

Vincenzo Refolo era stato messo agli arresti domiciliari a decorrere dal 4 aprile per l’istanza di custodia cautelare firmata dl Gip Giulia Proto.

Secondo l’avvocato della difesa però sussistevano i motivi per la custodia cautelare: nelle ultime ore i giudici del Tribunale di Lecce hanno accolto la sua istanza.

In attesa del processo Refolo, che dopo l’accaduto aveva chiesto scusa dell’insano gesto, sarà libero di uscire dai domiciliari.