Home News L’amministratore delegato di TikTok Kevin Mayer si è dimesso

L’amministratore delegato di TikTok Kevin Mayer si è dimesso

CONDIVIDI

Meno di quattro mesi dopo essersi unito all’app video più popolare del mondo Kevin Mayer ha annunciato le sue dimissioni, a seguito delle pressioni esercitate dall’amministrazione Trump.

Kevin Mayer

In una nota ai dipendenti, che è stata esaminata dal New York Times, il signor Mayer ha affermato che una serie di modifiche alla struttura aziendale di TikTok lo ha spinto a dimettersi.

“Nelle ultime settimane, poiché l’ambiente politico è cambiato drasticamente, ho fatto una riflessione significativa su ciò che richiederanno i cambiamenti strutturali dell’azienda e cosa significano per il ruolo globale per il quale mi sono iscritto”,

ha scritto nell’e-mail.

“In questo contesto […] volevo farvi sapere che ho deciso di lasciare l’azienda”.

Dimissioni CEO Tik Tok Mayer

Le dimissioni del CEO Mayer rappresentano le difficoltà che TikTok deve affrontare: il Presidente Trump e altri funzionari della Casa Bianca si sono concentrati sulle società tecnologiche, che dicono essere obbligate al governo cinese attraverso le leggi sulla sicurezza.

Negli ultimi mesi, l’amministrazione Trump ha intensificato il controllo su TikTok, affermando che rappresenta proprio una minaccia alla sicurezza nazionale a causa della sua proprietà cinese.

Questo mese, il signor Trump ha firmato un ordine esecutivo per bloccare TikTok se ByteDance non avesse venduto le operazioni negli Stati Uniti dell’app entro 45 giorni.

In seguito ha emesso un altro ordine esecutivo concedendo a ByteDance 90 giorni per concludere un simile accordo.

Tik Tok cerca acquirente

Le mosse della Casa Bianca hanno spinto ByteDance e TikTok a cercare un acquirente per le operazioni statunitensi dell’app.

I giganti della tecnologia statunitense come Microsoft e il produttore di software aziendale Oracle, insieme ad altri offerenti, hanno discusso un potenziale accordo, con prezzi che vanno da $ 20 miliardi a $ 50 miliardi.

Allo stesso tempo, TikTok si è opposto all’amministrazione Trump. Lunedì, la società ha citato in giudizio il governo degli Stati Uniti, accusandolo di privarlo del giusto processo forzando una vendita utilizzando un ordine esecutivo.