Home Salute & Benessere Joker, la malattia mentale di cui soffre Arthur Fleck esiste davvero?

Joker, la malattia mentale di cui soffre Arthur Fleck esiste davvero?

CONDIVIDI

Joker soffre di un disturbo neurologico che comporta una risata compulsiva. Ma esiste davvero questa malattia? Ecco cosa dice la medicina

Joker
Joker

Joker è un vero successo al botteghino, e i fan sono colpiti dalla rappresentazione di Joaquin Phoenix del famigerato cattivo di Batman. Nel film, Phoenix interpreta Arthur Fleck, un uomo con diverse malattie mentali. La sua sindrome esiste davvero?

Joker: la malattia di Arthur Fleck è reale?

Nel film, Arthur Fleck inizia a ridere in modo incontrollabile in momenti inappropriati (un effetto collaterale di una ferita cerebrale passata), che è così dirompente, tanto da fargli portare sempre con sé una scheda informativa che spiega le sue condizioni alle persone che potrebbero essere vicino a lui quando ha episodi di risate isteriche.

La condizione non è specificatamente nominata nel film, ma è probabilmente basata su un vero disturbo chiamato Sindrome pseudobulbare.

Quando ho letto per la prima volta [la sceneggiatura], molti dei suoi comportamenti e azioni mi sono sembrati spregevoli“, ha detto Phoenix del personaggio in una recente intervista.

Ma, ha aggiunto, “ho visto che, in certi momenti, ho riconosciuto questi segni che mi hanno permesso di pensare a lui in modo diverso“.

Sindrome pseudobulbare: cos’è?

La sindrome pseudobulbare è una condizione che causa episodi improvvisi, incontrollabili e inappropriati di pianto o di risate, secondo il National Institutes of Health (NIH).

È più comunemente visto nella cornice di altri disturbi che possono causare lesioni cerebrali o degenerazione“, afferma Amit Sachdev, direttore medico associato del dipartimento di neurologia e oftalmologia presso la Michigan State University.

Gli episodi possono durare da “pochi secondi a pochi minuti“, afferma il neurologo Santosh Kesari, presidente del Dipartimento di neuroscienze traslazionali e neuroterapie presso il John Wayne Cancer Institute del Providence Saint John’s Health Center.

La condizione di solito si verifica nelle persone con determinate condizioni neurologiche o lesioni che influenzano il modo in cui il cervello controlla le emozioni, ed è più comune nei sopravvissuti all’ictus,

Non solo: anche nelle persone con condizioni come la demenza, la sclerosi multipla, la malattia di Lou Gehrig (SLA) e traumatiche lesioni cerebrali, dice il NIH.

Quali sono le conseguenze della sindrome pseudobulbare?

La condizione può essere “altamente distruttiva per la vita di tutti i giorni”, afferma NIH, e può causare problemi come angoscia, imbarazzo, isolamento sociale e, in alcuni casi, l’incapacità di lavorare.

Le persone con questa condizione hanno anche un rischio maggiore di sviluppare la depressione.

La PBA non è eccessivamente comune, ma non è neanche incredibilmente rara: si pensa che colpisca più di 1 milione di persone negli Stati Uniti, secondo i dati di NIH.

Come viene trattata la PBA?

In genere, i medici raccomanderanno l’uso di farmaci antidepressivi o una pillola combinata di destrometorfano e chinidina.

Anche la consulenza al paziente su come gestire gli episodi quando si verificano è parte del trattamento, afferma il dott. Kesari.

Il trattamento non eliminerà necessariamente i sintomi, ma può funzionare per ridurre la frequenza con cui si manifestano le esplosioni e la loro gravità.

Questa malattia è causata da un problema di fondo“, afferma il dott. Kesari. “I farmaci e la modifica del comportamento aiuteranno a ridurre l’incidenza e la gravità, ma non la eliminano completamente”.

Anche la comprensione da parte dei caregiver è la chiave per il successo del trattamento. “La rassicurazione e la comprensione fanno molta strada“, afferma il dott. Sachdev.

Anche Joaquin Phoenix – interpretando il Joker – ha fatto leva su questa importante fase:

È difficile non provare simpatia per qualcuno che ha vissuto quel livello di trauma infantile: un midollo sovrastimolato cerca e percepisce il pericolo ovunque. Per qualcuno in quello stato, significa che le sue azioni hanno un senso o sono giustificate? Ovviamente no“, ha detto.

C’è un punto in cui supera i limiti e in cui non sono più in grado di restare al suo fianco. Ma mi ha permesso di avvicinarlo con meno giudizio e più compassione di quello che avevo quando ho letto la sceneggiatura per la prima volta”.