Home Cronaca Incidente a Lecce, si schianta con l’auto contro un muro: Elisabetta muore...

Incidente a Lecce, si schianta con l’auto contro un muro: Elisabetta muore a 26 anni

CONDIVIDI

Tragico incidente nella notte a Lecce: una ragazza di 26 anni, di ritorno dal lavoro, si è schiantata con la sua auto contro un muro.

incidente a lecce

Dramma a Lecce: una 26enne è morta sul colpo, dopo essersi schiantata con l’auto contro un muretto. La giovane stava tornando dal lavoro.

Incidente a Lecce

Incidente mortale nella notte appena trascorsa a Lecce. Un’auto è finita contro un palo e per la 26enne alla guida della vettura non c’è stato nulla da fare.

Come si evince da Fanpage, la giovane stava rientrando dal lavoro, quando, per cause ancora in corso di accertamento, l’auto su cui viaggiava, una Fiat Punto, ha terminato la sua corsa contro un muro.

A lanciare l’allarme, alcuni automobilisti in transito nella zona, che hanno allertato le Forze dell’ordine. Per la ragazza, nonostante il celere arrivo dei soccorsi, non c’è stato nulla da fare: è morta sul colpo. 

Chi era la vittima?

A perdere la vita nel drammatico incidente avvenuto la scorsa notte a Lecce, Elisabetta De Vitis, 26enne di Vernole.

La ragazza lavorava in una pizzeria d’asporto nel capoluogo pugliese e al momento del tragico impatto stava rientrando a casa, dopo aver terminato il suo turno serale.

L’auto su cui viaggiava si è schiantata contro un muro, sulla Vernole-Castri. Per la ragazza non c’è stato nulla da fare: l’impatto è stato devastante, tanto che Elisabetta è morta sul colpo.

Non è ancora chiara la dinamica dell’incidente, né come mai l’auto della 26enne sia finita fuori strada. Sul posto sono giunte le forze dell’ordine ed i sanitari del 118, che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso della ragazza.

Nelle ultime settimane, gli incidenti stradali sono in forte diminuzione per vie delle disposizione del governo, che vietano uscite senza comprovati motivi, che siano di salute, lavoro o improrogabili necessità, per contrastare l’emergenza coronavirus.