Home News In Sicilia in arrivo 19 milioni per sanare il dissesto idrogeologico

In Sicilia in arrivo 19 milioni per sanare il dissesto idrogeologico

CONDIVIDI

Contro il dissesto idrogeologico in Sicilia, arrivano 19 milioni per porre rimedio e per ripristinare i paesaggi agrari della regione.

In Sicilia in arrivo 19 milioni per sanare il dissesto idrogeologico

In Sicilia sono stati stanziati 19 milioni per combattere il dissesto idrogeologico sull’isola. Si mira a ripristinare i paesaggi agrari tradizionali, dato che hanno un grande interesse culturale ed ambientale. Si desidera anche contenere l’erosione che deriva dall’abbandono dei territori.

I fondi regionali

I fondi arrivano dalla regione e sono previsti da una graduatoria provvisoria, pubblicata dall’assessorato Agricoltura della Regione Siciliana, a valere sulla Misura 4.4 D del Programma di Sviluppo Rurale Sicilia 2014 – 2020.

I lavori previsti sono molti e puntano a ridurre il disseto idrogeologico attraverso:

  • Ripristino dei terrazzamenti che sono in stato di degrado.
  • Restauro dei muretti a secco.
  • Cura e manutenzione delle piante di interesse storico e paesaggistico. Sarà possibile potarle o eseguire altri interventi per la loro cura.
  • Nuove piantumazioni di piante autoctone.
  • Interventi di recupero dei versanti, in modo da contrastare l’erosione ed il dissesto idrogeologico.

In linea di massima questi sono i principali interventi che saranno finanziati. Si dice molto soddisfatto l’assessore regionale per l’Agricoltura Edy Bandiera. Spiega che sin dall’insediamento del Governo Musumeci, si è deciso di intervenire per affrontare:

“l’emergenza determinata dal sovrappopolamento dei ghiri nei Nebrodi. Emergenza che non può essere contrastata solo con il monitoraggio, il controllo ecologico, con la collocazione di trappole e con la liberazione di rapaci.

Ha proseguito dicendo che ci sarà:

“Spazio quindi ai tanti interventi finanziati che ricadono nel singolare paesaggio dei Nebrodi, caratterizzato dai noccioleti”

I paesaggi delle Nebrodi

Circa il 90% dei fondi sarà destinato per la zona della catena montuoso delle Nebrodi. Il parco Naturale che si trova nel territorio della città metropolitana di Messina, dove i ghiri minacciano la conservazione di alcune attività colturali. La crescita della popolazione di questo animale è senza controllo.

Altra tutela ulteriore si ha dall’approvazione del Dossier per la  candidatura del “Paesaggio a ciglioni e terrazze dei noccioleti dei Nebrodi”, all’iscrizione nel “Registro nazionale dei paesaggi rurali di interesse storico, delle pratiche agricole e delle conoscenze tradizionali.” Esso è istituito presso il Ministero delle Politiche Alimentari Agroalimentari e Forestali, per poter catalogare i paesaggi rurali tradizionali o di interesse storico. Si desiderano tutelare anche le tradizioni ed i valori propri del luogo che viene inserito in questo registro.

Chi è iscritto al Registro ottiene dei vantaggi per

“collegare a particolari forme di agricolture tradizionali fondi riservati all’interno dei PSR e la promozione degli stessi per un turismo culturale di tipo enogastronomico, collegato alle peculiarità paesaggistiche e agrarie.”

Ora non resta che aspettare che l’iter si compia il più velocemente possibile, per poter stanziare i fondi di supporto.