Home News Palermo, nubifragio violento: allagamenti e due dispersi

Palermo, nubifragio violento: allagamenti e due dispersi

CONDIVIDI

Palermo in ginocchio dopo il violento nubifragio che ha allagato tutta la città e due persone sarebbero ancora disperse.

Palermo, nubifragio violento: allagamenti e due morti anneggati

Italia colpita da violenti nubifragi, con punta massima in Sicilia dove Palermo è stata flagellata tra allagamenti e blackout.

Maltempo e due dispersi

Tutta la parte nord occidentale della Sicilia sta combattendo con il maltempo. In particolare le notizie che sono arrivate da Palermo non sono positive: un violento nubifragio si è abbattuto sulla cittò provocando allamenti, disagi, blackout e traffico in tilt completo.

Secondo i media nazionali ci sarebbero due persone disperse, dopo che che sono rimaste intrappolate dentro le loro auto e non sono riuscite a salvarsi dalla violenza dell’acqua. I Vigili del Fuoco sono intervenuti all’interno del viadotto dove si trova l’auto: due bambini sono stati ricoverati in ipotermia. – Non ci sono ancora conferme in merito alla loro morte o meno:

“nessuna vittima confermata”

La situazione a Palermo è preoccupante. L’Osservatorio Atronomico ha registrato un dato come 79,4 mm di acqua caduta sino ad oggi ed è un record assoluto per il mese di luglio.

Tantissimi gli automobilisti che si sono trovati incastrati all’interno delle loro auto.  Altre persone hanno richiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco per uscire dalle abitazioni: le immagini che sono state condivise sui social sono allarmanti. Si possono vedere auto trascinate dalla furia dell’acqua, alcuni anziani che cercano luoghi sicuri e altri che abbandonano il mezzo oramai completamente sommerso dall’acqua.

Gli interventi dei Vigili del Fuoco sono stati doverosi anche per molte grondaie pericolanti o allagamenti all’interno delle abitazioni. Il Sindaco Orlando sui canali social:

“ieri nessuna allarme da parte della protezione civile. se volessi fare sciacallaggio darei la colpa al mancato allarme”