Home Salute & Benessere Il cibo numero uno che causa maggiori intossicazioni alimentari

Il cibo numero uno che causa maggiori intossicazioni alimentari

CONDIVIDI

La maggior parte delle malattie di origine alimentare tra il 2009 e il 2015 sono state causate da qualcosa che fa parte della cena più comune

Il Centers for Disease Control (CDC) tiene costantemente traccia delle epidemie e identifica le cause che provocano l’avvelenamento da cibo per aiutare le persone a rimanere al sicuro.

Il FDAS (Foodborne Disease Surveillance System) del CDC raccoglie dati sulle epidemie di origine alimentare (i “focolai” si verificano quando due o più persone hanno una malattia simile derivante dal consumo di un alimento comune). Tra il 2009 e il 2015 sono stati segnalati 5.760 focolai, che hanno provocato più di 100.000 malattie.

Cosa provoca intossicazione alimentare?

La categoria alimentare responsabile della maggior parte dei focolai è il pollo. Pollo? Giusto. Tra il 2009 e il 2015, il pollo è stato responsabile di 3114 malattie alimentari e del 12% di tutti i casi di intossicazione alimentare.

È una proteina nutriente e salutare che è perfetta per la cena. È così facile da preparare e delizioso che gli americani mangiano più pollo ogni anno di qualsiasi altra carne.

Poiché mangiamo e immagazziniamo così tanto pollo, c’è una maggiore possibilità di contaminazione incrociata tra pollo crudo e poco cotto e altri alimenti.

Come proteggere la tua famiglia

È importante assicurarsi che il pollo che sia maneggiato in modo sicuro e cotto a fondo perché il pollo poco cotto contiene spesso batteri che causano malattie (inclusa la salmonella). Il CDC formula le seguenti raccomandazioni:

  • Metti il ​​pollo in una busta di plastica prima di metterlo nel tuo carrello o frigorifero per evitare che i succhi crudi contaminino altri cibi.
  • Lavarsi le mani con acqua calda e sapone per 20 secondi prima e dopo aver maneggiato il pollo.
  • Non lavare il pollo crudo.
  • Utilizzare un tagliere separato per pollo crudo e seguire le linee guida per la cura del tagliere.
  • Non mettere mai cibi cotti o prodotti freschi su un piatto, un tagliere o altra superficie che in precedenza conteneva pollo crudo.
  • Lavare i taglieri, gli utensili, i piatti con acqua calda e sapone dopo aver preparato il pollo.
  • Utilizzare un termometro per carne per assicurarsi che il pollo sia cotto a una temperatura interna sicura.
  • Refrigerare il pollo e gli avanzi entro 2 ore (o entro 1 ora se la temperatura esterna è superiore a 32°).

Semplici consigli per evitare di star male con lo stomaco e avere problemi di intossicazione alimentare.