Home Spettacolo Gianluca Vialli, il tumore devastante ‘Non so come finirà’: il drammatico sfogo

Gianluca Vialli, il tumore devastante ‘Non so come finirà’: il drammatico sfogo

CONDIVIDI

Gianluca Vialli, continua la sua battaglia contro il tumore al pancreas: “Non so ancora come finirà”.

Gianluca Vialli

Un anno difficile per Gianluca Vialli. In una passata intervista, l’ex calciatore ha confessato di aver un tumore al pancreas. Da quando ha scoperto di essere malato non hai mai perso la grinta e a  marzo di quest’anno ha iniziato un ciclo di cure per potere essere nelle migliori condizioni fisiche e mentali per assolvere il suo nuovo ruolo nelle vesti di  capo delegazione della nazionale italiana a fianco a Roberto Mancini.

Gianluca Vialli tumore: le sue parole

Di recente, Gianluca Vialli ha parlato a cuore aperto della sua malattia: il tumore al pancreas. Una lotta impari contro un male oscuro che, però, non sembra avergli rubato la forza e la tenacia che da sempre lo hanno contraddistinto. In una passata intervista al Corriere della Sera, l’ex bomber di Juventus, Sampdoria e Chelsea ha deciso di raccontare del suo intervento e dei successivi mesi di chemioterapia e radioterapia.

Dopo un periodo decisamente ‘no’, Vialli ha precisato di sentirsi bene anche se non sa come finirà questa sua partita.

Il messaggio dell’ex calciatore

Nel suo libro, Gianluca Valli cerca di trasmettere un messaggio importante: non mollare mai. Lo sport come metafora di vita, perché in fondo la vita è fatta di cadute, ascese, ricadute e nuove vittorie:

“(…) Ma non ho ancora la certezza di come finirà la partita. Spero che la mia storia possa servire a ispirare le persone che si trovano all’incrocio determinante della vita. E spero che il mio sia un libro da tenere sul comodino, di cui leggere una o due storie prima di addormentarsi o al mattino appena svegli.”

E poi ha aggiunto:

“Un’altra frase chiave, di quelle che durante la cura mi appuntavo sui post-it gialli appesi al muro, è questa: “Noi siamo il prodotto dei nostri pensieri”.