Home Spettacolo Gianluca Vialli, il tumore di cui si è ammalato è tra i...

Gianluca Vialli, il tumore di cui si è ammalato è tra i più pericolosi: “Ho l’obbiettivo di morire dopo i miei genitori”

CONDIVIDI

Gianluca Vialli, la dura battaglia personale contro il tumore al pancreas: una malattia la cui speranza di vita è tra le più basse.

In una passata intervista, Gianluca Vialli ha confessato di aver un tumore al pancreas . L’ex calciatore e allenatore combatte contro la malattia da circa un anno ma non ha mai perso la sua grinta.  Un tumore maligno, uno dei più letali, a cui Vialli non si è mai arreso: ecco le sue parole.

Gianluca Vialli tumore al pancreas

In una passata intervista, Gianluca Vialli ha parlato a cuore aperto della sua malattia: il tumore al pancreas. Una lotta impari contro un male oscuro che, però, non sembra avergli rubato la forza e la tenacia che da sempre lo hanno contraddistinto tanto da dichiarare al Corriere della Sera:

L’ho considerata semplicemente una fase della mia vita che andava vissuta con coraggio e dalla quale imparare qualcosa.  Sapevo che era duro e difficile doverlo dire agli altri, alla mia famiglia.”

L’ex calciatore ha poi aggiunto:

“Non vorresti mai far soffrire le persone che ti vogliono bene: i miei genitori, i miei fratelli e mia sorella, mia moglie Cathryn, le nostre bambine Olivia e Sofia”. Mi sono dato subito degli obiettivi a lunga scadenza: non morire prima dei miei genitori e portare le mie figlie all’altare

Il tumore al pancreas

Secondo quanto riportato dal sito dell’ AIRC, associazione Italiana per la ricerca sul cancro nel 2017 sono stati stimati circa 13.700 nuovi casi in Italia. Pare che il fattore di maggior rischio  sia il fumo. Dallo studio  “Gli unmet need nell’adenocarcinoma al pancreas: un’analisi a 360° con il paziente al centro” di ISHEO emerge è che il tumore del pancreas è una malattia priva di sintomi per un lungo tempo e nella minoranza dei casi è diagnosticata  in stadio iniziale e le prospettive di vita sono basse. Le persone che da sempre lo seguono non l’hanno mai abbandonato in questo difficile percorso verso la guarigione.