Home News Francia, rogo nella cattedrale di Nantes: confessa il volontario arrestato

Francia, rogo nella cattedrale di Nantes: confessa il volontario arrestato

CONDIVIDI

Rischia fino a 10 anni di carcere il volontario, fermato e poi rilasciato, accusato di aver appiccato l’incendio nella cattedrale di Nantes, a Parigi.

nantes incendio

L’uomo, un volontario 39enne, originario del Ruanda, aveva il compito di chiudere la cattedrale. Sarebbe stato proprio lui ad appiccare l’incendio nella storica cattedrale di Nantes. Ancora ignote le motivazioni del gesto.

L’incendio nella cattedrale

Era il 18 luglio quando la cattedrale di Nantes a Parigi andò in fiamme. L’allarme scattò intorno alle 7:40 di quel sabato mattina.

La cattedrale gotica dei Santi Pietro e Paolo di Nantes aveva già subito pesanti danni dai bombardamenti della II guerra Mondiale. Nel ’72, invece, era andato a fuoco il tetto, proprio quando il restauro successivo alla guerra era ormai ultimato.

La Procura della Repubblica Francese aveva aperto un’inchiesta per “incendio doloso”. Gli inneschi che hanno causato le fiamme sono stati rinvenuti in tre punti diversi all’interno della storica ìchiesa.

Confessa il volontario fermato

Come riferisce anche Tgcom24, avrebbe confessato di aver appiccato le fiamme il volontario 39enne, originario del Ruanda, ed incaricato di chiudere a chiave la Cattedrale.

L’uomo, già fermato dalla polizia e poi rilasciato, ha confessato la piena responsabilità dell’incendio nella cattedrale di Nantes.

Ancora sconosciuto il movente del gesto. Il 39enne rischia ora una pena fino a 10 anni di carcere.

Fermato di nuovo in questo fine settimana per un altro interrogatorio, il volontario avrebbe ammesso tutte le sue colpe.

“Ha confessato e si rammarica dei fatti. E’ pentito”

ha fatto sapere il suo legale.

Come già ipotizzato dai vigili del fuoco, l’uomo ha raccontato di aver appiccato tre fuochi: due agli organi della cattedrale e uno a un quadro elettrico.

L’incendio appiccato a Nantes ha completamente distrutto l’organo della cattedrale gotica di San Pietro e Paolo, oltre ad aver frantumato le vetrate e annerito l’interno della storica chiesa.