Home News FMI pessimista, PIL globale in calo del -4,9%, PIL italiano -12,8%

FMI pessimista, PIL globale in calo del -4,9%, PIL italiano -12,8%

CONDIVIDI

FMI rivede al ribasso le proiezioni per l’economia mondiale

Il Fondo monetario internazionale è più pessimista rispetto al mese di aprile e prevede un brusco calo del 10,2% nell’economia dell’eurozona per l’anno 2020.

L’impatto negativo della pandemia nel primo semestre è stato più pronunciato di quanto inizialmente previsto e gli effetti continueranno a persistere nel secondo semestre.

La nuova pandemia di coronavirus ha avuto un impatto negativo maggiore nel primo semestre del previsto e la ripresa sarà più lenta, portando il Fondo monetario internazionale (FMI) a revisionare negativamente le proiezioni per l’economia mondiale, rispetto all’ultimo rapporto.

Secondo il World Economic Outlook, l’istituzione presieduta da Kristalina Georgieva vede oggi la crescita del prodotto interno lordo (PIL) mondiale in contrazione del 4,9% quest’anno, prima di una ripresa del 5,4% nel 2021.

FMI prevede una brusca contrazione nella zona Euro

L’FMI ​​prevede che l’economia dell’Eurozona possa subire un calo del 10,2% nel 2020, con una crescita di 2,7 punti percentuali più negativa rispetto ad aprile, con una ripresa del 6% nel 2021.

La contrazione sarà ancora maggiore grave: in Italia e Spagna, il calo sarà del 12,8% (recupero del 6,3% nel 2021); in Francia, 12,5% (recupero del 7,3% nel 2021); e il 7,8% della Germania (recupero del 5,4% nel 2021).

L’economia americana dovrebbe scendere dell’8% quest’anno e recuperare il 4,5% nel 2021, mentre la Cina dovrebbe crescere dell’1% nel 2020 e dell’8,2% nel 2021.

Tuttavia, prevede una ripresa l’anno prossimo, anche se meno del previsto ad aprile.

“Il consumo dovrebbe aumentare gradualmente nel corso del prossimo anno e anche gli investimenti dovrebbero riprendersi, ma rimane moderato”,

spiega, sottolineando che la crescita del PIL mondiale

“supera solo il livello del 2019”.

“La previsione dipende dalla profondità della contrazione nel secondo trimestre del 2020”,

sottolinea il FMI, indicando ulteriormente che dipenderà dalle dimensioni e dalla persistenza dello shock.

La distanza sociale continua a penalizzare la seconda metà dell’anno 2020

L’FMI spiega che le proiezioni economiche riflettono una persistente distanza sociale nella seconda metà di quest’anno, nonché un peggioramento del potenziale della catena di approvvigionamento maggiore del previsto durante il lockdown nel primo e secondo trimestre di quest’anno e un impatto sulla produttività in quanto le aziende che hanno resistito aumentano le necessarie pratiche di sicurezza e igiene.

L’FMI ​​sottolinea inoltre che le condizioni finanziarie, che sono diminuite dopo la pubblicazione dell’ultima relazione, rimarranno ai livelli attuali.

“I risultati alternativi a quelli dello scenario di base sono chiaramente possibili e non solo a causa dell’evoluzione della pandemia.

L’ampiezza della recente ripresa del sentiment dei mercati finanziari sembra disconnessa dai cambiamenti delle prospettive economiche sottostanti “,

sottolinea il FMI, indicando che le condizioni finanziarie possono essere più “serrate” rispetto allo scenario di base.

Ancora una volta segnalando le conseguenze attraverso lo spettro della pandemia, il FMI raccomanda a tutti i paesi,

“compresi quelli che hanno apparentemente superato il picco di infezione”,

di garantire che i sistemi sanitari dispongano di “risorse adeguate”.

Oltre a un incentivo per la comunità internazionale a sostenere “iniziative nazionali”, in particolare a sostegno dello sviluppo di vaccini, egli ritiene che nei casi in cui il lockdown, se necessario, la politica economica dovrebbe mitigare la perdita di reddito familiare

“attraverso un considerevole e ben mirato misure”,

nonché supporto alle imprese.

Il Fondo Monetario Internazionale sottolinea che

“l’assistenza urgente è necessaria per i paesi che affrontano crisi sanitarie e deficit di finanziamento esterno, anche attraverso la riduzione del debito e il finanziamento attraverso la rete globale di sicurezza finanziaria”.

Il FMI ​​chiede il coordinamento delle risposte da parte dei responsabili politici su una varietà di questioni, comprese le questioni di sostenibilità.

“La comunità globale deve agire ora per prevenire il ripetersi di questa catastrofe, costruendo riserve globali di prodotti e attrezzature protettivi essenziali, finanziando la ricerca e sostenendo i sistemi di sanità pubblica e implementando modi efficaci per sostenere i più bisognosi”,

aggiunge la nota del FMI.