Home News EU Recovery Fund, Premier Conte: l’Italia non accetterà alcun “compromesso debole”

EU Recovery Fund, Premier Conte: l’Italia non accetterà alcun “compromesso debole”

CONDIVIDI

EU Recovery Fund, Conte: l’UE deve agire con decisione alla crisi economica Covid

Il primo ministro italiano Giuseppe Conte ha affermato che l’Unione europea deve agire con decisione per costruire una risposta comune alla crisi economica causata dalla pandemia di COVID-19, sollecitando l’attivazione rapida delle misure di sostegno.

“Non accetteremo un debole compromesso”

su una proposta della Commissione europea volta a costituire un fondo di ricostituzione per finanziare le economie dei paesi più colpiti dalla pandemia Covid-19, ha riferito Conte ai giornalisti a Lisbona.

“La risposta deve essere una risposta politica forte e ambiziosa”,

ha affermato il Premier parlando a fianco del Primo Ministro portoghese Antonio Costa.

I leader dell’UE devono ancora concordare la composizione di qualsiasi pacchetto di risanamento e una riunione sull’EU Recovery Fund e il prossimo bilancio comune dell’UE si terranno a Bruxelles il 17 e 18 luglio.

Rimangono differenze significative tra gli Stati membri su questioni chiave, incluso se il Recovery Fund si baserà su prestiti o sovvenzioni definitive per i più bisognosi.

I cosiddetti paesi frugali – Paesi Bassi, Austria, Danimarca e Svezia – insistono sul fatto che l’EU Recovery Fund dovrebbe essere utilizzato per emettere prestiti, poiché le sovvenzioni dovrebbero essere rimborsate da tutti i contribuenti dell’UE.

In una recente intervista pubblicata sul quotidiano Corriere della Sera, il Primo Ministro olandese Mark Rutte ha dichiarato che alla fine potrebbe essere raggiunto un accordo sulla struttura del fondo.

Il regime di sovvenzioni è fortemente sostenuto dai paesi dell’Europa meridionale, tra cui l’Italia, i cui conti pubblici sono stati sottoposti a forti pressioni a causa della crisi economica causata dalla pandemia.

Conte spera che il prossimo incontro dei leader europei spingano i negoziati verso il risultato che Roma spera di raggiungere quanto auspicato.

EU recovery Fund: Come gli Stati membri dell’UE hanno reagito alla proposta della Commissione

La maggior parte degli Stati membri dell’UE ha reagito positivamente alla proposta del Fondo di recupero da 750 miliardi di euro della Commissione europea, che mira ad aiutare il blocco a far fronte alle devastanti implicazioni economiche della pandemia.

Il pacchetto comprende un totale di € 500 miliardi di sovvenzioni, mentre il resto sarà offerto ai governi tramite prestiti a condizioni favorevoli.

Secondo la proposta, i governi dell’UE hanno un ruolo cruciale nel decidere come saranno spesi i soldi, ma l’opposizione dei cosiddetti paesi “frugali” è ancora forte.

Sia Parigi che Berlino hanno salutato la proposta della Commissione che si basava essenzialmente sul franco-tedesco presentato di recente.

“Von der Leyen propone un nuovo piano di ripresa da 750 miliardi di euro per regioni e settori in difficoltà. L’accordo franco-tedesco ha permesso questo anticipo”,

ha affermato il Presidente francese Macron, invitando i partner dell’UE ad adottarlo rapidamente.

Il Belgio appartiene al gruppo dei 10 paesi europei con il PIL pro capite più elevato nell’UE e riceverebbe sovvenzioni per 5,5 miliardi di euro dal Fondo di recupero dell’UE.

Il Ministro delle finanze belga Alexander De Croo (Open VLD) ha parlato di un “piano storico”, che avrebbe

“trovato il giusto equilibrio tra solidarietà e responsabilità”.

“Questo è l’unico modo per l’Europa di emergere più forte da questa crisi”,

ha aggiunto.

Dei quattro frugali, la Danimarca ha trovato le più calorose parole di benvenuto per la proposta della Commissione europea.

Il ministro degli Esteri danese Jeppe Kofod l’ha definita

“una soluzione sostanziale alle molte importanti misure che abbiamo adottato a livello europeo per mitigare l’impatto della crisi”.

La non approva i dettagli del piano di risanamento dell’UE, ma li analizzerà, ha affermato il ministro europeo Tytti Tuppurainen del Partito socialdemocratico (SDP).

La Svezia potrebbe essere uno dei più “frugali” più difficili da decifrare per la Commissione europea e la presidenza tedesca del Consiglio dell’UE.

La Polonia è soddisfatta della proposta della Commissione europea.

Il presidente Andrzej Duda ha scritto che

“la Polonia sollecitava l’Europa ad avere un budget ambizioso. Quindi, abbiamo successo! Ci sarà un fondo di ricostruzione economica da 750 miliardi di euro e la Polonia sarà uno dei suoi maggiori beneficiari”.