Home News Coronavirus, inchiesta The Guardian: “L’Ue non rispose alle prime richieste di aiuto...

Coronavirus, inchiesta The Guardian: “L’Ue non rispose alle prime richieste di aiuto dell’Italia”

CONDIVIDI

Emergenza pandemica Covid-19, l’inchiesta pubblicata sul quotidiano The Guardian

La richiesta di aiuto dell’Italia all’inizio dell’emergenza pandemica è stata “ignorata” dall’Unione europea.

È quanto emerge da un’inchiesta effettuata dal giornale britannico The Guardian in collaborazione con il Bureau of Investigative Journalism.

Una “litania” di fallimenti che si sono susseguiti uno dopo l’altro da quando l’Italia ha richiesto l’aiuto e l’intervento dell’Unione Europea, che è rimasta del tutto inerte.

È quanto viene messo in evidenza nell’articolo pubblicato sul quotidiano The Guardian e redatto da Daniel Boffey Celine Schoen, Ben Stockton e Laura Margottini.

Il 26 febbraio il numero di contagi triplicava ogni 48 ore ed il primo ministro Giuseppe Conte chiedeva aiuto agli altri Stati membri dell’UE.

Gli ospedali erano eccessivamente affollati e i medici e gli infermieri italiani avevano esaurito le mascherine, i guanti e i grembiuli di cui avevano bisogno per mantenersi al sicuro.

Un giro di vite dei malati critici a causa di un’acuta mancanza di ventilatori.

Coronavirus, l’UE ha ignorato le richieste di aiuto dell’Italia

Una comunicazione urgente è stata trasmessa da Roma al quartier generale della Commissione europea Berlaymont a Bruxelles.

Le specifiche richieste sono state caricate nel sistema comune di comunicazione e informazione di emergenza dell’UE (CECIS).

Ma ciò che è successo dopo è stato uno shock. La chiamata di soccorso è stata accolta con silenzio.

“Nessuno stato membro ha risposto alla richiesta dell’Italia e alla richiesta di aiuto della Commissione”,

ha dichiarato Janez Lenarčič, commissario europeo responsabile della gestione delle crisi.

“Il che significava che non solo l’Italia non è preparata …

Nessuno è preparato …

La mancanza di risposta alla richiesta italiana non è stata tanto una mancanza di solidarietà. Era una mancanza di equipaggiamento”.

Circa 180.000 cittadini europei, in tutta l’area economica europea e nel Regno Unito, sono morti di coronavirus e 1,6 milioni sono stati infettati da quando la malattia si è insinuata nel continente nel dicembre dello scorso anno per gentile concessione di un paziente misterioso zero.

Il vero numero di morti è quasi certamente superiore a quello finora registrato. Il recente aumento delle infezioni in Serbia e nei Balcani è motivo di grande preoccupazione.

Il Vecchio Continente adesso deve affrontare una grave recessione economica dalla Grande Depressione degli anni ’30, in gran parte a causa dei blocchi necessari per proteggere i suoi numerosi sistemi sanitari sottofinanziati.

Questo fine settimana i 27 capi di stato e di governo dell’UE si incontreranno a Bruxelles per la prima volta di persona per cercare di tracciare una strada da seguire.

Oggi, grazie all’analisi dei registri interni ed alle interviste con dozzine di funzionari ed esperti dell’UE, The Guardian e l’Ufficio di giornalismo investigativo possono raccontare l’intera storia di come l’Europa è diventata l’epicentro designato dall’OMS

“di una pandemia globale e quali lezioni chiave potrebbero essere apprese”.

Molti esperti UE parlano con toni accesi di un disastro imminente, di Ministri della salute sempre più disperati, incapaci di convincere i loro capi di governo.

Molti governi riconoscono tardivamente la velocità con cui il virus si sta diffondendo, per poi precipitarsi in atti non coordinati di protezionismo in momenti di panico nascosto.

È la storia di un’Unione europea incapace di gestire una crisi sanitaria senza precedenti e di istituire un’adeguata risposta alla crisi che l’ha travolta così rapidamente.

Emergenza coronavirus: a Capodanno i primi segnali di una polmonite sconosciuta

Mentre milioni di europei si preparavano a festeggiare l’arrivo del nuovo anno 2020, i funzionari dell’ufficio di Stoccolma dell’agenzia europea per la salute pubblica, il Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie (ECDC), hanno ricevuto per la prima volta un avviso di un gruppo di casi di polmonite in Cina di origine sconosciuta.

Istituito nel 2005 in risposta allo scoppio della Sars due anni prima, l’ECDC offre consulenza scientifica.

La responsabilità per la salute rimane interamente dei governi nazionali dell’UE e non della commissione europea o delle sue agenzie.

L’agenzia ha fornito la sua prima valutazione della minaccia pandemica in data 9 gennaio, ha ricordato il direttore dell’organismo, il Dottor Andrea Ammon.

“[…] la maggior parte dei casi era collegata a questo mercato di animali vivi [nella città cinese di Wuhan]”,

ha riferito al quotidiano The Guardian.

La preoccupazione iniziale era come mantenere la malattia fuori dai confini dell’UE. Il 17 gennaio è stata indetta una prima chiamata in conferenza sul coronavirus da un altro organo dell’UE nato da precedenti crisi sanitarie, ma di nuovo privo dei poteri mantenuti dai governi nazionali.

Il comitato per la sicurezza sanitaria della Commissione europea comprende rappresentanti del ministero della salute di ciascuno Stato membro e ha avuto la responsabilità di coordinare le risposte transfrontaliere alle minacce sanitarie in Europa dall’epidemia di H1N1 del 2009.

Ma il 17 gennaio, solo 12 dei 27 stati membri UE, più il Regno Unito, hanno telefonato.

Wolfgang Philipp, capo di una piccola squadra all’interno del dipartimento sanitario della Commissione a Lussemburgo, ha presieduto l’incontro.

Ha riferito ai presenti che alcune dozzine di persone a Wuhan erano state infettate da un nuovo ceppo di coronavirus.

Con 300.000 persone che erano intenzionate a partire dalla Cina per visitare l’Europa, molti che si preparavano a festeggiare il capodanno cinese il 25 gennaio, la domanda era cosa fare con i voli diretti da Wuhan a Londra, Parigi e Roma?

Lo screening di tutti gli arrivi in ​​aeroporto era ritenuto in gran parte inefficace nel fermare la diffusione del virus, ha riferito un funzionario dell’ECDC al comitato.

Il Regno Unito e la Francia hanno condiviso informazioni su ciò che stava succedendo all’interno degli aeroporti.

Ma non vi è stato alcun aggiornamento da parte del Governo italiano.

“Non c’è stato il tempo di recuperare il ritardo sugli eventi nel periodo di una settimana”,

ha riferito una fonte.

“Gli eventi sono avvenuti a una velocità incredibile”.