Home News Emergenza Covid, Italia verso lo scenario 4: atteso nuovo Dpcm?

Emergenza Covid, Italia verso lo scenario 4: atteso nuovo Dpcm?

CONDIVIDI

Vista l’emergenza Covid, l’Italia si muove dallo scenario 3 allo scenario 4 e ci potrebbe essere un nuovo Dpcm.

Emergenza Covid, Italia verso lo scenario 4: atteso nuovo Dpcm?

Il picco di contagi porta ad una nuova emergenza Covid in Italia e un avvicinamento allo scenario 4 con possibile Dpcm aggiornato.

Lo scenario 4 in Italia

In questo articolo abbiamo parlato del documento redatto dal Ministero della Salute insieme all’Istituto superiore della Sanità, con la spiegazione dei vari scenari che si possono vivere durante la pandemia da Covid.

Il picco di contagi che viene registrato nelle ultime ore è una situazione che sembra oramai fuori controllo e proprio questo, potrebbe portare ad un nuovo Dpcm e misure straordinarie molto nette.

Oggi l’Italia si trova nello scenario tre dell’emergenza e sono state istituite alcune misure restrittive atte a portare la curva dei contagi verso il basso, come da conferma del Premier Giuseppe Conte. Fonti della Iss hanno rivelato che queste misure non sarebbero sufficienti a fronte del numero di contagi registrati nuovamente.

Se si va a vedere l’indice di trasmissibilità Rt tutte le Regioni avrebbero superato la soglia dell’1.5 come da settimana dal 12 al 18 ottobre, per questo è probabile che l’Italia si stia avvvicinando allo scenario peggiore, ovvero il 4.  Nel documento si evince:

“situazione di trasmissibilità non controllata e criticità nella tenuta del sistema sanitario nel breve periodo”

Come si evince su Repubblica ci potrebbe essere un nuovo Dpcm la prossima settimana in vista di questi nuovi dati, con misure restrittive nuovamente severe per tutto il Paese. Se l’Italia dovesse infatti entrare nella fase 4 allora ci sarebbe un sovraccarico per i servizi assistenziali che non saranno più in grado di tracciare l’origine dei casi nuovi e in un mese e mezzo ci sarebbe una situazione di non ritorno.

Non solo, perchè si concretizzerebbe la possibilità – come evidenzia la ISS – di istituzione zone rosse e chiusura per limitare i nuovi contagi.