Home News Coronavirus, università pronte a ripartire: tutte le novità

Coronavirus, università pronte a ripartire: tutte le novità

CONDIVIDI

Per accedere alle lezioni dell’università gli studenti dovranno prenotarsi tramite l’apposita applicazione.

Università
Gli studenti potranno accedere alle lezioni solo tramite prenotazioni o seguendo da casa.

Sono molte le linee guida stabilite dal Cts per il ritorno in università degli studenti di tutta Italia. Alcune delle normative adottate per evitare assembramenti e contagi riguarda la riduzione della capienza delle aule del 50%.

Le lezioni potranno essere seguite anche da casa

Inoltre avverranno delle vere e proprie prenotazioni per i posti in classe, chi, invece, non riuscirà per tempo dovrà seguire da casa. Una prenotazione per entrare in classe resa necessaria per non sforare il numero di studenti consentito in aula.

Si apprestano, dunque, a tornare in sede, dopo ben sei mesi, gli studenti universitari. La ripartenza, come detto, avverrà nella più totale sicurezza come ribadito dai rettori degli istituti.

In caso di contagi o focolai, quest’ultime eventualità verranno gestite esattamente come avviene in città. Il contagiato verrà quindi segnalato all’Asl, con tracciamento a carico dei dipartimenti prevenzione delle Asl e degli addetti alla prevenzione interni alle università.

La capienza dei posti sarà ridotta del 50%

Per quanto riguarda i posti in aula, come predetto, solo il 50% sarà fruibile in modo da rispettare il distanziamento sociale. Le sedie “inagibili” verranno prontamente segnalate in modo da garantire una distanza fra ogni studente di 1 metro.

Per questo motivo l’introduzione di un’applicazione per prenotare la propria presenza alle lezioni è stata fondamentale. Inoltre, sarà obbligatorio l’utilizzo della mascherina anche dentro le classi. L’unica eccezione sarà rappresentata dal professore nei momenti in cui sarà impegnato con la spiegazione.

Nonostante non vi saranno poste all’ingresso macchine per misurare la temperatura, sarà severamente vietato recarsi a scuola con febbre, tosse o raffreddore.

Infine, verranno predisposte entrate ed uscite differenti, oltre al gel disinfettante in ogni aula.