Home News Due ragazzi arrestati per aver copiato all’esame di ammissione universitaria

Due ragazzi arrestati per aver copiato all’esame di ammissione universitaria

CONDIVIDI

In Marocco due ragazzi sono stati arrestati per aver copiato all’esame di ammissione: usavano il cellulare per trovare le risposte del test. Prigione e multa.

due ragazzi arrestati per aver copiato all'esame
ragazzi con cellulari in mano

Accade in Marocco, due ragazzi arrestati per aver copiato all’esame di ammissione alla facoltà universitaria: carcere e multa da pagare per entrambi.

Il Marocco ha leggi molto severe che puniscono con detenzione in prigione e una multa salata tutti coloro che imbrogliano ai test ufficiali, specialmente se colti sul fatto.

I due giovani stavano facendo l’esame per il Bac cioè un’importante prova di ammissione per accedere all’università.

Stavano palesemente imbrogliando al test cercando le risposte sul web e utilizzando, illegalmente poiché era severamente proibito farlo, il cellulare in aula.

Cercando di non farsi scoprire per non essere ‘beccati’ dalle autorità sorveglianti durante lo svolgimento della prova cercavano disperatamente in internet le risposte per superare l’esame con successo.

Stavano consultando furtivamente dei siti web quando li hanno fermati e denunciati subito.

Il tribunale li ha condannati: prigione e multa salata da pagare per i due imbroglioni.

La pena e la multa per gli imbroglioni

Il Marocco punisce severamente questa tipologia di azioni e non tollera imbrogli ai test di nessun tipo: la pena è il carcere con l’aggiunta di una multa da pagare.

Come si può leggere sul quotidiano locale Assabah, la vigilanza ha colto gli studenti sul fatto mentre utilizzavano illegalmente i telefonini durante il test di ammissione.

Le autorità li hanno individuati e fermati subito, invalidando ovviamente la prova scritta.

Gli hanno immediatamente sequestrato i cellulari e li hanno successivamente condotti in centrale per essere condannati con la sentenza del tribunale di Fez.

Condannati a 3 mesi di detenzione in carcere dal tribunale di Fez, i due ragazzi marocchini dovranno anche pagare una multa salata: 450 euro a testa per l’imbroglio.

Una decisione molto severa se confrontata con l’atteggiamento che, per situazioni simili, adottano gli altri paesi.

C’è chi invalida solo la prova, chi chiude un occhio e chi condanna al carcere oltre a far pagare una multa ben salata.

I due giovani imbroglioni non si dimenticheranno facilmente di questa bravata.