Home News Coronavirus, bollettino del 18 novembre: 34.282 casi e 753 morti

Coronavirus, bollettino del 18 novembre: 34.282 casi e 753 morti

CONDIVIDI

Consueto aggiornamento giornaliero sulla situazione della pandemia da Covid-19 nel nostro Paese con i dati diffusi dal Ministero della Salute.

Il bollettino di oggi, mercoledì 18 novembre 2020, con gli aggiornamenti sulla situazione del Covid-19 in Italia.

Il bollettino del 18 novembre

L’evoluzione della pandemia nel nostro Paese è monitorata regolarmente dal Ministero della Salute sul portale ufficiale. Il report divulgato ogni giorno alle 17 riporta i dati riferiti alla situazione nazionale.
Dai dati si evidenzia la curva dei contagi e dei morti e la condizione degli ospedali italiani, con riferimento al numero dei pazienti sintomatici ricoverati nelle terapie intensive.
Un ulteriore dato utile per il monitoraggio riguarda il numero di tamponi eseguiti nelle 24 ore.
Ecco dunque di seguito tutti i dati ufficiali:

  • Nuovi Contagi:34.282  contro i 32.191
  • Morti: 753 contro i 731 di ieri
  • Pazienti ricoverati con sintomi: 9.358
  • Pazienti in terapia intensiva: 3.670  totali
  • Guariti: 24.169  contro i 15.434
  • Tamponi: 234.834 invece dei 208.458

Come appare dai dati la curva dei nuovi casi è in aumento rispetto a ieri cosi come quella riferita ai pazienti guariti è in aumento rispetto alla giornata di ieri. Il dato dei tamponi è in leggero aumento.

La Ong. Emergency in Calabria

Stabilito un accordo di collaborazione tra la Ong. Emergency e la Protezione civile per fornire una risposta all’emergenza sanitaria in Calabria.

I tempi richiedono che si inizi al più presto, per cui è previsto già dalla mattina di mercoledì 18 che parta un progetto.

Gino Strada fondatore della Ong ha annunciato:

“Ringrazio il governo per la stima che ha dimostrato per Emergency “.

Alla Ong spetterà infatti la gestione ospedali da campo Covid hotel e del supporto all’interno nei punti di triage negli ospedali.

Il Dipartimento della Protezione civile, tenuto conto dell’evoluzione della situazione epidemiologica in essere, ha giudicato idonea l’Associazione Emergency nel fornire le risposte, alle pressanti esigenze di assistenza socio-sanitaria alla popolazione.

Come tra gli altri riferisce anche TGCOM 24, nelle parole espresse da Di Maio anche su Facebook, tutto il convincimento che Gino Strada possa far uscire la Calabria dall’attuale crisi.

E’ convinto il Ministro pentastellato che Gino Strada, per competenze e passione con la sua Emergency, potrà fornire un importante contributo.

Un lungo percorso quello intrapreso dal medico. Dopo un periodo di attività all’interno del Comitato internazionale della Croce Rossa, Strada ha fondato  Emergency, l’associazione umanitaria che opera nella riabilitazione delle vittime della guerra.

Grazie al suo impegno, il fondatore della Ong ha riscosso apprezzamenti dal Movimento 5 Stelle, al punto che nel 2013 fu proposto come presidente della Repubblica.