Home Politica Brexit, il Regno Unito rifiuta formalmente l’estensione del periodo di transizione

Brexit, il Regno Unito rifiuta formalmente l’estensione del periodo di transizione

CONDIVIDI

Brexit, UK rifiuta l’estensione del periodo di transizione

Il governo britannico non chiederà alcuna proroga per il periodo di transizione Brexit, che si concluderà il prossimo 31 dicembre.

È quanto ha affermato il Ministro dell’ufficio del governo britannico Michael Gove.

Gove ha parlato con il vicepresidente della Commissione europea Maroš Šefčovič e con il negoziatore dell’UE Michel Barnier, in occasione della seconda riunione dell’UE-Regno Unito.

Brexit, niente proroga transizione: la decisione è definitiva

Il comitato misto ha dovuto decidere se estendere la transizione dello status quo. Tuttavia, non ci sono più riunioni del comitato previste fino al mese di settembre.

Il che significa che l’UE prende la decisione del Regno Unito

“come conclusione definitiva di questa discussione”,

ha detto Šefčovič ai giornalisti dopo l’incontro.

“Ho preso atto della posizione del Regno Unito su questo tema”,

ha affermato Šefčovič.

Tuttavia, ha aggiunto:

“Prendiamo questa decisione come definitiva”.

“In questo contesto, abbiamo entrambi concordato di accelerare l’attuazione dell’accordo di recesso e di accelerare il nostro lavoro”,

sottolinea il vicepresidente dell’UE.

Se l’incontro di venerdì si è svolto in un’

“ottima atmosfera”,

Šefčovič ha avvertito che c’è ancora molto lavoro da fare sull’attuazione dei diversi aspetti dell’accordo di recesso, in particolare il protocollo sull’Irlanda e l’Irlanda del Nord.

Ha aggiunto che il Regno Unito non ha fornito dettagli sufficienti su come funzionerà in pratica il protocollo.

“Dobbiamo passare dall’aspirazione all’operazione e in fretta”.

Tuttavia, nonostante abbia respinto una proroga del periodo di transizione, il Regno Unito ha dichiarato che non sarà in grado di attuare controlli di frontiera post-Brexit completi sulle merci che entrano dall’UE fino al luglio 2021.

Brexit, nuovo regime doganale in 3 fasi

Il governo di Boris Johnson ha dichiarato che dovrà introdurre il suo nuovo regime doganale in tre fasi, a partire dal 1° gennaio, dopo aver riconosciuto alle imprese le preoccupazioni che la pandemia abbia ostacolato i preparativi delle aziende.

“Alla fine di quest’anno controlleremo le nostre leggi e le nostre frontiere, motivo per cui siamo in grado di prendere la decisione sovrana di introdurre accordi in modo da dare alle aziende colpite dal coronavirus il tempo di adeguarsi”,

ha affermato il ministro del governo britannico Michael Gove.