Home News Banche, Unicredit compra il 68% di MPS per evitare il default?

Banche, Unicredit compra il 68% di MPS per evitare il default?

CONDIVIDI

Secondo le ultime voci il ministro Roberto Gualtieri starebbe sondando la disponibilità dei vertici di Unicredit SpA a comprare la partecipazione statale in MPS.

Unicredit MPS

Unicredit potrebbe essere disposta ad acquisire parte di MPS per il quale il Governo è intervenuto a più riprese al fine di evitare il default.

Secondo Bloomberg sarebbero intercorsi colloqui informali tra il Ministero dell’Economia e la banca, ma per ora si tratterebbe solo di contatti preliminari.

Dopo le voci a Piazza Affari Mps guadagna oltre l’1,5%, mentre Unicredit continua ad essere oggetto di vendite.

UniCredit compra la partecipazione statale in MPS: un’operazione difficile

Gli analisti Bloomberg sottolineano come l’operazione tra Unicredit e l’istituto di credito senese potrebbe essere di difficile realizzazione, in particolare per i problemi di bilancio della Monte dei Paschi di Siena.

Jonathan Tyce, analista di Bloomberg, sottolinea:

“Il basso rapporto CET1 del Monte dei Paschi e il pesante rischio legale ereditato dal passato potrebbero richiedere capitale aggiuntivo, garanzie e trasferimento del rischio per il successo di un’operazione”.

Il rischio legale della banca toscana ammonta a circa 10 miliardi di euro, rischio che continua a pesare sulla banca rappresentando un

“rischio visto come un ostacolo significativo a qualsiasi accordo per sottrarre la banca alle mani dello Stato”,

spiegano da Bloomberg.

Jean Pierre Mustier, Amministratore Delegato di UniCredit, non ha alcuna intenzione di prendere in considerazione un accordo che non sia almeno neutrale in termini di capitale e convenienza.

Unicredit acquisterà partecipazione statale in MPS: entro quando?

La finalità dell’Esecutivo è quello di cedere la sua partecipazione in Monte Paschi entro la fine del 2021.

Si potrà avviare il processo di cessione o fusione di MPS dopo aver completato il trasferimento dal valore di oltre 8 miliardi di euro di crediti deteriorati a favore di Amco, società di gestione e recupero di crediti di proprietà statale.

Nel frattempo, il ministro delle finanze Gualtieri ha firmato una bozza di decreto che ne autorizza la vendita.

Il rischio legale che Monte Paschi porta con sé ammonta a circa 10 miliardi di euro ed è visto come un ostacolo significativo.