Home News Azzolina, insulti su Facebook alla ministra: licenziato il professore di Ovada

Azzolina, insulti su Facebook alla ministra: licenziato il professore di Ovada

CONDIVIDI

È stato licenziato il professore di Novara che lo scorso mese di maggio aveva insultato su Facebook la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina.

insulti azzolina

Il docente di matematica che aveva rivolto insulti sessisti alla Azzolina ha perso il posto di lavoro. Il professore, che aveva anche rimosso il post si era pubblicamente scusato, non è riuscito ad evitare il licenziamento.

Licenziato il professore che aveva insultato la Azzolina su Facebook

È stato licenziato il professore che aveva scritto insulti alla Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina. Come riferisce anche Orizzontescuola, il docente di matematica, impiegato nell’istituto suepriore Barletti di Ovada, provincia di Novara, lo scorso mese aveva insultato pesantemente la ministra.

“Una grillina ed è un insulto peggiore che essere definita p…”

era scritto nel post finito nella bufera.

La rimozione e le pubbliche scuse non sono bastate a salvargli il posto di lavoro. L’insegnante però non si è rassegnato ed ha impugnato il provvedimento.

Dopo la pubblicazione del post era scattata la reazione di molti docenti, che avevano definito:

“Inaccettabili le parole del docente soprattutto se scritte da chi il compito di istruire ed educare i giovani”.

Per l’insegnante è quindi partito un procedimento disciplinare da parte dell’ufficio scolastico regionale. Sembra che in suo aiuto si siano mossi gli stessi alunni, che avrebbero chiesto di evitare il licenziamento del loro professore.

“Quello che ha fatto il professore è molto grave ma il licenziamento a mio avviso è eccessivo”

è il commento di Massimiliano De Fecondo, uno degli ex allievi del Barletti di Ovada.

Il procedimento disciplinare è in ancora in corso. Pare, però, che l’insegnante licenziato non sia l’unico dell’istituto di Novara finiti nel mirino delle indagini per aver pubblicato insulti contro altre personalità pubbliche.