Home Cronaca Carcere di Avellino, sequestrato pacco per un detenuto: conteneva 25 cellulari, proteste...

Carcere di Avellino, sequestrato pacco per un detenuto: conteneva 25 cellulari, proteste del sindacato

CONDIVIDI

La polizia penitenziaria del carcere di Avellino ha sequestrato un pacco, il contenuto è impensabile: cellulari e satellitari destinati ai detenuti. E’ polemica

Carcere
Un carcere- immagine pixabay

La notizia è stata divulgata dal sindacato della polizia penitenziaria del carcere di Avellino che annuncia: “Serve una legge”.

Scatta il sequestro in carcere: pacco “a sorpresa”

25 cellulari tra cui 4 smartphone, 19 mini e 2 satellitari erano stati abilmente occultati all’interno di un pacco destinato ad un detenuto nel carcere di Avellino.

L’uomo, recluso nel reparto di alta sicurezza avrebbe dovuto essere il destinatario di quel pacco ma la polizia penitenziaria è venuta a conoscenza del suo contenuto durante un normale controllo di routine.

Il sequestro è dunque scattato immediatamente da parte della sezione dei Baschi Azzurri e a rendere nota la notizia è stato Emilio Fattorello segretario del Sappe come si legge su Internapoli:

“Grazie dunque alla professionalità degli agenti c’è stato il sequestro”

La protesta del Sappe: “Serve una nuova legge”

Situazione tesa nelle carceri in particolare nella Regione Campania dove solo la scorsa settimana l’allarme per una rivolta dei detenuti è stato sollevato dal carcere di Santa Maria Capua Vetere.

La protesta sorta per presunti atti di violenza compiuti ai danni dei detenuti è stata infine sedata ed otto agenti di polizia sono rimasti feriti durante l’operazione.

Dopo questo ultimo episodio di sequestro ad Avellino il segretario del Sappe (Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria) ha commentato:

“Il tentato ingresso di cellulari nelle carceri della Campania è un flusso continuo.”

Fattorello punta il dito contro l’Amministrazione e la legge che non annovera ciò come reato ma solamente come “violazioni amministrative” del regolamento carcerario come riporta Fanpage.

Il segretario generale del Sappe Donato Capece gli fa eco aggiungendo come sia fondamentale per scongiurare tali eventi prevedere una nuova legge:

“Che punisca severamente coloro che detengono telefoni cellulari in carcere”